Istruzioni pagamento Mini-Imu a Bologna: come si calcola e come si versa la tassa

Tutti i dettagli, le scadenze e gli uffici per calcolare e pagare la cosoddetta "Mini Imu" nel Comune di Bologna. Sul sito Iperbole a disposizione il "calcolatore"

Il 24 gennaio 2014 scade il termine per il versamento della cosiddetta “Mini Imu” per l’anno 2013 per gli immobili per cui è stata soppressa, dal decreto legge 133 del 30 novembre 2013, la seconda rata IMU: le unità immobiliari adibite ad abitazione principale ed equiparate (non censite nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9) ed i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e
dagli imprenditori agricoli professionali.

Gli immobili interessati dal pagamento della “Mini-Imu” a Bologna sono:
a) l'abitazione principale e relative pertinenze, e le fattispecie assimilate con regolamento comunale, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (case di lusso, ville e castelli o palazzi di eminenti pregi artistici o storici);
b) a decorrere dal 1° luglio 2013, le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari e le relative pertinenze;
c) la casa coniugale assegnata al coniuge a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, esclusi i fabbricati censiti nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9;
d) l’unità immobiliare, e pertinenze ammesse, posseduta, a titolo di proprietà o di usufrutto, da anziani o disabili che spostano la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che l’abitazione non risulti locata;
e) l’unità immobiliare, e pertinenze ammesse, posseduta, a titolo di proprietà o di usufrutto, da cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, a condizione che l’abitazione non risulti locata;
f) a decorrere dal 1° luglio 2013, un immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unita' immobiliare, purche' il fabbricato non sia censito nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9, che sia posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonche' dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia;
g) i terreni agricoli, nonché quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola;

Il versamento dell'imposta deve essere effettuato entro il 24 gennaio 2014 in misura pari al 40 per cento dell'eventuale differenza tra l'ammontare dell'imposta calcolata sulla base dell'aliquota e della detrazione deliberata dal comune per l'anno 2013 e, se inferiore, quello risultante dall'applicazione dell'aliquota e della detrazione di base previste dalle norme statali per ciascuna tipologia di immobile.

La normativa statale (art. 13, del decreto legge 201 del 2011) ha stabilito l'aliquota base dell'imposta pari allo 0,76%, riducendola allo 0,4% per l'abitazione principale e le relative pertinenze. Per l'abitazione principale e le fattispecie equiparate (lettere a, b, c, d, e, f, dell'elenco degli immobili interessati dal pagamento) il Comune di Bologna per l'anno 2013 ha deliberato l'aliquota dello 0,5%; per una parte delle abitazioni principali l'aliquota è però ridotta allo 0,4%.

E' prevista la riduzione dell'aliquota IMU allo 0,4% per l'abitazione principale, e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie A1, A7, A8 e A9, aventi un valore catastale complessivo non superiore ad euro 141.000,00 (corrispondente alla rendita catastale complessiva di euro 839,28), a condizione che:
Settore Entrate - UFFICIO IMU
Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A - 40129 Bologna - tel. 051 2193690 – 051 2193471 - fax 051 2195701 - http://www.comune.bologna.it

Comune di Bologna - Imposta municipale propria - Guida alla Mini Imu 2013 -
1. i componenti del nucleo familiare non abbiano il possesso di altri immobili, in Italia e all'estero, con valore catastale superiore ad euro 10.000, inteso come somma delle base imponibili delle quote possedute da tutti i componenti del nucleo familiare al primo gennaio dell'anno di imposta.
2. i soggetti passivi siano in possesso del seguente requisito: reddito imponibile IRPEF familiare
riferito all'anno 2012 non superiore a
- Euro 50.000,00 annui per i nuclei di un solo componente;
- Euro 75.000,00 annui per i nuclei familiari di due componenti;
- Euro 100.000,00 annui per i nuclei di tre o più componenti.
Il nucleo familiare, ai fini i dell'aliquota ridotta, è considerato facendo riferimento alla situazione
anagrafica al primo gennaio 2013.
La riduzione di aliquota spetta per il periodo dell'anno in cui sussistono le suddette condizioni.
L'aliquota agevolata si applica anche alle fattispecie assimilate per legge o regolamento comunale
all'abitazione principale del soggetto passivo.

COME SI CALCOLA
Per quelle abitazioni principali, non classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, per cui il Comune di Bologna ha deliberato l'aliquota dello 0,5% per il 2013, l'imposta da versare entro il 24 gennaio 2014 sarà pari al 40% della differenza tra l'imposta calcolata con aliquota 0,5% e quella calcolata con aliquota 0,4%. Il calcolo va effettuato per i mesi in cui l'immobile è stato abitazione principale, o equiparato, nell'intero anno 2013 e non solo nel secondo semestre. Relativamente agli immobili per cui l'assimilazione all'abitazione principale decorre dal 1° luglio 2013 (lettere b ed f dell'elenco degli immobili interessati dal pagamento) il calcolo deve
invece essere effettuato solo per i mesi del secondo semestre 2013.
Per quelle abitazioni principali per cui è prevista la riduzione dell'aliquota allo 0,4% non devono essere effettuati pagamenti di imposta e non devono essere trasmesse dichiarazioni. Per i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli
professionali, il Comune di Bologna ha deliberato l'aliquota 1,06% per il 2013. L'imposta da versare entro il 24 gennaio 2014 sarà pari al 40% della differenza tra l'imposta, relativa al possesso nei 12 mesi dell'anno 2013, calcolata con aliquota 1,06% e quella calcolata con aliquota 0,76%.
I terreni agricoli compresi nell'elenco dei terreni ricadenti in aree montane e di collina nel Comune di Bologna sono comunque esenti dall'IMU e dalla Mini Imu.

COME SI VERSA
Il versamento della “Mini Imu” deve essere effettuato utilizzando il modello F24 oppure l’apposito bollettino postale previsto per i pagamenti IMU ordinari. Il modello di versamento F24 e le istruzioni per la compilazione sono disponibili presso gli istituti di credito e gli uffici postali.
Nel modello F24 ordinario occorre compilare la “sezione Imu ed altri tributi locali” mentre sul modello semplificato occorre indicare nella sezione: “EL”. Si deve utilizzare il codice tributo dell'abitazione principale: 3912 (oppure 3914 se si versa per i terreni agricoli) ed il codice comune di Bologna: A944; occorre inoltre barrare la casella “saldo”, indicare “0101” nel campo rateazione, il numero degli
immobili, l'anno: “2013” e l'importo della detrazione per l'abitazione principale.

Il versamento dell’imposta deve essere effettuato con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione non è superiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo. Non si fa luogo al versamento se l'imposta da versare é uguale od inferiore a 12 euro. Se l'importo da versare supera i 12 euro il versamento deve essere fatto per l'intero ammontare dovuto. E' possibile calcolare la “Mini Imu” 2013, collegandosi al sito internet del Comune di Bologna: www.comune.bologna.it selezionando: “Calcolare l'IMU”.

Il servizio consente ai cittadini il calcolo dell'imposta dovuta in maniera semplice consentendo la stampa del modello F24 da utilizzare per il pagamento presso gli sportelli bancari o gli uffici postali.

Comune di Bologna - Imposta municipale propria - Guida alla Mini Imu 2013
CALCOLO DELLA MINI–IMU PER L'ABITAZIONE PRINCIPALE


Esempio:
Abitazione con rendita catastale di 1000 euro e pertinenza con rendita di 200 euro, possesso 100%,
e detrazione di 200 euro. Imposta dovuta per l'abitazione principale aliquota 0,5%: 1.000,00 + 200,00 X 1,05 = 1.260,00 X 160 = 201.600,00 X 0,5 : 100 = 1.008,00 - 200 = 808,00
Imposta dovuta per l'abitazione principale aliquota 0,4%:
1.000,00 + 200,00 X 1,05 = 1.260,00 X 160 = 201.600,00 X 0,4 : 100 = 806,40 - 200 = 606,40
La Mini Imu dovuta è pari al 40% della differenza tra l'imposta calcolata con aliquota 0,5% e quella calcolata con aliquota 0,4%: Euro 808,00 – 606,40 = 201,60 x 40% = Euro 80,64. L'importo della Mini Imu da versare entro il 24 gennaio 2014 è pari ad Euro 81,00.
Gli interessati possono rivolgersi per informazioni all'ufficio IMU presso il Settore Entrate del Comune di Bologna - Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A, nei giorni di lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8,30 alle 12,30 e giovedì dalle 14,30 alle 16,30 - e-mail: infoici@comune.bologna.it - telefono: 051/2193690, 051/2193471.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Incidente in via del Gomito, morto ciclista di 25 anni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Il figlio di Vasco Rossi oggi dice "sì": matrimonio a Crespellano per Lorenzo Rossi Sturani

Torna su
BolognaToday è in caricamento