Legame tra cancro ed esposizione a campi elettromagnetici in alcune categorie di lavoratori

"Il campo magnetico della corrente elettrica a 50hz promuove l'insorgenza di tumori maligni". Lo dimostra anche un ampio studio sperimentale condotto dall'istituto Ramazzini di Bologna

Il campo magnetico della corrente elettrica a 50hz promuove l'insorgenza di tumori maligni". Ovvero, è plausibile anche nell'uomo il legame tra cancro mammario ed esposizione a campi elettromagnetici in alcune categorie di lavoratori, ad esempio i macchinisti di elettrotreni, "a tutt''oggi non riconosciuto".

Lo dimostra anche un ampio studio sperimentale condotto dall'istituto Ramazzini di Bologna, i cui risultati sono stati pubblicati  dalla rivista specializzata "International Journal of Radiation Biology". Sono passati 18 mesi da quando un gruppo di epidemiologi di Barcellona ha dimostrato un aumento significativo dell'effetto dell'insorgenza di cancro del cervello in lavoratori esposti ad agenti chimici e campi magnetici a bassissima frequenza. Ora, lo studio del Ramazzini conferma lo stesso effetto tumorale in ratti esposti a radiazioni gamma e attorno al valore Cm-50Hz della corrente elettrica. Sottoposti ad una singola dose di radiazioni ionizzanti gamma e a Cm-50Hz per tutta la loro vita (dal periodo prenatale fino alla morte naturale), i roditori in questione infatti hanno sviluppato un significativo aumento dell''incidenza di tre tipi di tumore: il cancro mammario, la leucemia e un raro tumore del cuor,e chiamato Schwannoma maligno.  

Lo studio è stato condotto su 650 ratti esposti e 1.001 ratti di controllo. "Con questo studio abbiamo confermato le osservazioni epidemiologiche effettuate da autori americani negli anni '80-'90 riguardanti l'aumento significativo del rischio di linfomi e leucemie e tumori della mammella in lavoratori esposti a campo elettromagnetico", ha affermato il dottor Morando Soffritti, direttore del progetto di ricerca. Che completa: "L'eccesso significativo di un tumore così raro come il cancro mammario nei ratti maschi è molto importante, in quanto potrebbe contribuire a ritenere plausibile anche nell'uomo il legame tra cancro mammario ed esposizione a campi elettromagnetici in alcune categorie di lavoratori (ad esempio i macchinisti di elettrotreni) a tutt'oggi non riconosciuto". 
(Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • In Piazza Maggiore migliaia di Sardine vs Lega | FOTO e VIDEO

  • Guidano un'auto rubata, fanno un incidente e scappano: hanno entrambi solo 14 anni

Torna su
BolognaToday è in caricamento