Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

Bonus viaggio, app non accessibile a ipovedenti: si torna all'abbonamento "tradizionale"

Bologna Today aveva raccolto le rimostranze dell'Unione Ciechi e dell'associazione invalidi Anmic: "Tecnologia che presenta seri problemi di  accessibilità per le categorie interessate". Ora si cambia

Foto archivio

Prima era solo l'app. Bologna Today aveva raccolto le rimostranze dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti e di Anmic, l'associazione invalidi: "Non sarebbe stato più facile e logico scegliere di fornire una card o dei buoni cartacei?" per usufruire del bonus viaggio, l’agevolazione prevista dal precedente Governo per sostenere la mobilità sicura delle categorie fragili, la cui erogazione "è gestita dal comune di Bologna utilizzando una tecnologia che presenta seri problemi di  accessibilità per le categorie interessate". 

Bonus viaggio, associazioni ciechi e invalidi: "App non accessibile a ipovedenti e anziani" 

Ora arriva l'abbonamento in formato tradizionale per usufruire dei bonus (taxi e Ncc). La nuova modalità è pensata quindi per i non vedenti e più in generale per chi non possiede uno smartphone. Un provvedimento dei settori Mobilità e Sicurezza di Palazzo D'Accursio integra quindi l'accordo siglato ad aprile tra Comune, Tper, cooperative taxi e Ncc (Cotabo, Cat, Saca, Cosepuri) per l'utilizzo dell'app Roger.

"In sede d'istruttoria si è affrontato, d'intesa con tutti i sottoscrittori, il tema dei soggetti non vedenti, ad oggi ancora non completamente risolto - si legge nell'atto - soprattutto per coloro che non dispongono di uno smartphone". A questo punto, "si è individuata una procedura alternativa all'utilizzo dell'app Roger per i non vedenti e più in generale per i cittadini non possessori di smartphone, che prevede il rilascio dell'abbonamento agevolato 'fisico' presso le quattro centrali taxi-Ncc": decisione presa d'intesa con il disability manager Egidio Sosio, l'Uici, l'Istituto dei ciechi Francesco Cavazza, l'Associazione nazionale mutilati e invalidi civili (Anmic) e la Consulta per il superamento dell'handicap.

Come funziona

"L'utente una volta registrato attraverso gli strumenti messi a disposizione dal Comune (App Bologna Welfare e Servizio di modulistica online) con la stampa della ricevuta può subito presentarsi alle centrali per ottenere l'abbonamento agevolato - scrivono gli uffici comunali - al fine di snellire e semplificare la procedura di acquisto degli abbonamenti agevolati da parte dei soggetti non in possesso di smartphone direttamente presso le centrali".

Il Comune comunicherà comunque periodicamente alle quattro centrali taxi-Ncc gli elenchi dei soggetti che si sono registrati. A loro volta, "le centrali rilasciano gli abbonamenti agevolati presso le proprie sedi e trasmettono periodicamente a Tper la rendicontazione dei titoli venduti - si legge sempre nel provvedimento - al fine di consentire a Tper di rendicontare al Comune il trasferimento di tutti i contributi ministeriali per gli abbonamenti acquistati dagli aventi diritto, sia quelli presso le centrali che quelli dell'app Roger". (dire) 

Foto archivio 

Bonus auto ibride, arrivano nuovi fondi. Corsini: "Misura molto apprezzata che fa bene alla qualità dell'aria"

Centri estivi. Confermati i 'bonus rette' e soglia Isee innalzata: più famiglie beneficiarie

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus viaggio, app non accessibile a ipovedenti: si torna all'abbonamento "tradizionale"

BolognaToday è in caricamento