Congresso from seed to pasta III

I maggiori esperti mondiali di genetica del grano illustrano le nuove opportunità per ottenere in modo sostenibile prodotti di qualità in quantità adeguata

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Bologna, 19-­‐21 settembre -­‐ Barilla, Granoro, il Gruppo molitorio Casillo, il Centro internazionale di miglioramento del mais e del grano (Cimmyt), il Centro internazionale per la Ricerca in Agricoltura nelle aree asciutte (Icarda), il Consiglio nazionale per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea), il Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr), Università di Bologna. Sono sufficienti questi nomi per far capire lo spessore di “From Seed To Pasta III”, terza edizione del Congresso internazionale che riunisce a Bologna, dal 19 al 21 settembre, industrie molitorie, aziende della lavorazione del grano e pastifici, insieme al comparto agricolo e il mondo universitario e scientifico, per presentare gli ultimi risultati della ricerca sul grano duro. «Una buona pasta inizia da un buon grano duro. Un’affermazione che può sembrare ovvia ma non lo è», chiarisce Luigi Cattivelli del Crea, presidente del Comitato scientifico di “From Seed To Pasta”. «Infatti, “buon grano duro” significa “grano di qualità tale da soddisfare le esigenze delle aziende di trasformazione che vogliono immettere sul mercato prodotti di eccellenza”. In sintesi, deve avere un alto contenuto proteico e buon indice di giallo, ed essere privo di micotossine. Inoltre, nel rispetto dell’ambiente, è sempre più urgente l’esigenza di ricorrere a un utilizzo limitato di fertilizzanti». «Si capisce, quindi -­‐ aggiunge il presidente del Comitato organizzatore, il professor Roberto Tuberosa, dell’Università di Bologna -­‐ come la selezione di varietà di qualità, resistenti alla fusariosi o ad altre malattie, e di alto rendimento perché capaci di massimizzare l’assorbimento dell’acqua e dell’azoto, sia la via maestra e indispensabile per garantire, in futuro, produzioni sostenibili e capaci di crescere anche in condizioni climatiche avverse». Questi, alcuni degli argomenti che saranno discussi al Congresso. Inoltre, sarà presentata in anteprima la sequenza del genoma del grano duro, si parlerà dell’identificazione di nuovi geni che “accendono” la resistenza alle malattie (vedi, ad esempio, ruggine del grano), di come promuovere una gestione agronomica sostenibile per la sicurezza alimentare, della possibilità di creare varietà di frumento con glutine non tossico per i celiaci. Ma “From Seed To Pasta III” è anche “ricerca applicata”, poiché dà spazio al confronto costruttivo con gli operatori di tutta la filiera affinché la ricerca non sia fine a sé stessa ma possa concretamente essere utilizzata come strumento di innovazione dal campo al piatto. Da qui, il coinvolgimento delle aziende alla Tavola rotonda “Innovazione nella filiera grano duro-­‐pasta”. Sono le imprese ad avere il polso del mercato, le prime a dover cercare di anticipare le tendenze. E per offrire prodotti unici la ricerca rappresenta il miglior alleato. Così, all’incontro del 21 settembre, esponenti di Barilla, Granoro, Casillo Group, Open Fields, Pavan -­‐ Pasta and extruding technologies e Crea focalizzeranno l’attenzione sulla pasta precotta e con aggiunta di farine di tipologie diverse dal grano, sul brevetto “Gluten Friendly”, sulle tecnologie di produzione più innovative e sulle indicazioni nutrizionali della regina della tavola e sulla tracciabilità della filiera. Un appuntamento di rilievo, quindi, “arricchito” dalla presidenza onoraria di Paolo De Castro, vice presidente Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, e con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, di Italmopa (Associazione industriali mugnai d’Italia), Antim (Associazione nazionale dei tecnici mugnai), dell’Accademia Nazionale di Agricoltura, del Museo delle Paste Alimentari di Roma, dell’Enea, del Mediterranean Agronomic Institute (Ciheam), dell’European Plant Science Organisation (Epso), dell’European Association for Research on Plant Breeding (Eucarpia), dell’International Wheat Yield Partnership (Iwyp), e della Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area (Prima).

Torna su
BolognaToday è in caricamento