menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, stop a lotto e superenalotto: riscossione vincite al termine dell'emergenza sanitaria

I Monopoli di Stato hanno comunicato ai concessionari Lottomatica e Sisal la sospensione dei termini di decadenza per quanto riguarda la riscossione dei premi

Dopo le stringenti misure del Governo adottate per affronatere l'emergenza sanitaria Coronavirus, è arrivato lo stop anche Lotto e Superenalotto. Così, tutte le vincinte non riscosse a causa della sospensione sono per ora “congelate” , ma saranno  pagate al termine del periodo di emergenza.

In una nota, i Monopoli di Stato hanno comunicato ai concessionari Lottomatica e Sisal la sospensione dei termini di decadenza per quanto riguarda la riscossione dei premi. Il riavvio dei termini, riferisce Agipronews, sarà comunicato dalla stessa Amministrazione al termine dell’emergenza legata al Coronavirus. 

2I soggetti che intendano riscuotere le vincite, siano esse pagabili dai punti vendita che direttamente dalle società concessionarie, non devono al momento preoccuparsi perché non perderanno il diritto ad incassarle" conferma ad Agipronews la Federazione Italiana Tabaccai, aggiungendo che non tutte le vincite riconducibili ai giochi pubblici sono soggette a termini di decadenza stringenti come quelli prescritti per Lotto e Superenalotto.  Ad esempio per i gratta e vinci l’incasso della vincita può essere effettuata anche dopo svariati mesi e comunque fino a quando la lotteria non viene dichiarata cessata con apposito provvedimento di ADM, il che può avvenire addirittura dopo alcuni anni".

Anche i mini-abbonamenti per le giocate riprenderanno piena efficacia al termine dell’emergenza virus. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

SuperEnalotto, la fortuna bacia Bologna: centrato un '5'

Salute

Covid19, vaccini dal medico di base: quello che c'è da sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento