Attualità Castenaso

Castenaso: arriva DINO, un robot che grazie ai satelliti riesce a muoversi senza inquinare

CAI - Consorzi Agrari d’Italia ha presentato la macchina di ultima generazione

CAI - Consorzi Agrari d’Italia ha presentato a Castenaso “Dino”, la macchina di ultima generazione a disposizione delle aziende agricole italiane. Un vero esempio di tecnologia totalmente sostenibile,  in grado di trattare quattro ettari di terreno al giorno  e che introduce il concetto di diserbo meccanico perché in grado di lavorare i campi senza l’utilizzo di prodotti chimici.

"Una rivoluzione culturale nata da un’idea di una startup francese - si legge in una nota - che sarà disponibile in accordo con la società Agrico e che testimonia l’intensa attività di ricerca di tecnologie avanzate, in tutto il mondo, da parte di Consorzi Agrari d’Italia, con l’obiettivo di rendere più efficaci e sostenibili i processi produttivi in agricoltura".

Nel dettaglio si tratta di un robot biologico, con quattro motori elettrici, che grazie ai satelliti riesce a muoversi in autonomia nei campi di orticole per ripulire i terreni senza inquinare e nel pieno rispetto dell’ambiente.

“Mettiamo a disposizione delle aziende agricole italiane questa innovazione che unisce un grande risparmio in termini di costi di prodotti al rispetto dell’ambiente – spiega il responsabile commerciale di CAI, Ivan Cremonini -. Consorzi Agrari d’Italia si conferma punto di riferimento del Paese per la fornitura di tecnologie e servizi per l’agricoltura di precisione”.

A proposito di CAI – Consorzi Agrari d’Italia

CAI è il primo soggetto nazionale totalmente integrato che unisce la competenza e la capacità di valorizzazione dei prodotti nelle filiere strategiche del primo gruppo agro-industriale italiano, BF SPA con le reti territoriali dei consorzi coinvolti. Grazie a questo progetto, gli agricoltori diventano protagonisti di un nuovo modello di sviluppo, basato sull'innovazione e sulla sostenibilità.

Il progetto poggia su una rete che produce oltre 407 milioni di ricavi annui e conta più di 11 mila soci agendo come un vero e proprio “hub” per il collocamento delle grandi produzioni.

Ad oggi fanno parte di CAI: BF spa, Consorzio dell’Emilia, Consorzio del Tirreno, Consorzio Centro Sud e Consorzio Adriatico.

CAI supporta le aziende agricole in tutto il territorio nazionale con un percorso di crescita basato su una razionalizzazione volta a ridurre il costo dei mezzi tecnici ed il costi dei mezzi di produzione per le aziende agricole nel medio periodo, offrire un'assistenza tecnica completa, una vasta rete di prodotti e servizi, l'innovazione e la valorizzazione dei prodotti simbolo del Made in Italy, promuovendo accordi di filiera in grado di valorizzare sui mercati il lavoro giornaliero dei produttori e garantire qualità al consumatore.

Per ulteriori informazioni:

Comunicazione e Ufficio stampa

Pasquale Scivittaro (+39 3282849428 – comunicazione@consorziagrariditalia.it)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castenaso: arriva DINO, un robot che grazie ai satelliti riesce a muoversi senza inquinare

BolognaToday è in caricamento