rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Diplomati / Centro Storico / Piazza Maggiore

Festa in piazza per il Graduation Day. Super ospite il fondatore di LinkedIn | FOTO

Una Piazza Maggiore stracolma per celebrare il diploma degli studenti della Business School di Unibo. Trai temi portati sul tavolo dal fondatore del social che ha rivoluzionato il mondo del lavoro ci sono intelligenza artificiale e nuove tecnologie

Bologna Business School celebra la sua "Graduation": è l’appuntamento annuale più importante per la comunità accademica della scuola di formazione manageriale dell’Università di Bologna, come di consueto ospitato nella prestigiosa cornice di Piazza Maggiore a Bologna, che si riempie di studenti e pulsa di futuro.

Sono 827 i partecipanti ai Master della Scuola che hanno concluso i propri studi e con le proprie toghe e tocchi hanno ricevuto il diploma, per l’anno accademico 2022-2023, da parte del Magnifico Rettore dell’Università di Bologna, Giovanni Molari, in una cerimonia che ha visto la partecipazione e gli interventi del Presidente del Collegio di Indirizzo di Bologna Business School, Romano Prodi, del Dean di Bologna Business School, Max Bergami, dei rappresentanti degli studenti e degli Alumni di BBS.

L’appuntamento solenne è soprattutto, come ogni anno, una celebrazione di idee e di testimonianze per il futuro. Ad offrire il suo ‘Commencement Speech’ ai diplomandi ai Master, nel momento più atteso della manifestazione, è stato Reid Hoffman, imprenditore visionario, Founder nel 2003 di LinkedIn (il più importante social network professionale al mondo) e suo Presidente Esecutivo fino al 2016.

Bologna Business School Graduation Day 2023 con Reid Hoffman

“Congratulazioni per i vostri traguardi accademici, ma vi invito già al vostro prossimo corso di studi: voi”, così ha inaugurato il proprio speech Reid Hoffman, di fronte alla piazza gremita di studenti. “Nello sviluppare le competenze che avete scelto, in realtà avete studiato l’umanità, e così mentre cercherete il vostro successo dovrete anche cercare di elevare essa: questa è la vocazione più alta di ogni business. La buona notizia è che siete più attrezzati per questa impresa di qualsiasi altra generazione fino ad oggi”.

Venture capitalist tra i più influenti della digital economy mondiale, Hoffman è stato negli ultimi vent’anni alla guida di alcune delle principali organizzazioni e aziende tecnologiche statunitensI (con incarichi di vertice, tra gli altri, in Airbnb e OpenAI, di cui è stato "founding investor") e fa parte oggi del CDA di Microsoft e di molte startup, soprattutto nel campo dell’Intelligenza Artificiale.

“Oggi qui c’è la Bologna del futuro” | VIDEO

"Avete a portata di mano una rivoluzione tecnologica che non si verifica più di una volta ogni qualche centinaio di anni: l'Intelligenza Artificiale, o AI", ha proseguito. "Non stiamo solo entrando nella 'Generazione AI', voi ne siete già gli interpreti. Questa innovazione rimodellerà la vita di tutti noi e diventerà la tecnologia principale che usiamo per prendere decisioni e ‘navigare’ nella vita: un motore a vapore della mente, un ‘GPS’ cognitivo, uno strumento di orientamento, scoperta e navigazione". Quindi cita Umberto Eco - ricordando l’adagio ‘Possiamo aggiungere al mondo solo dove crediamo che finisca’ - e dice "A questo servirà l’intelligenza artificiale: come molte altre tecnologie, ci dà più capacità e tempo, entrambi doni inestimabili. Grazie ad essa l'umanità può fare di più di ciò che sa fare meglio: esplorare".

Nel 2017 Reid Hoffman è stato nominato Commander dell’Ordine dell’Impero Britannico dalla Regina Elisabetta, ha in precedenza conseguito un master in filosofia a Oxford e ha ricevuto un SD Forum Visionary Award; è stato nominato Henry Crown Fellow dall’Aspen Institute; è stato insignito della David Packard Medal da Techamerica; ha ricevuto un Dottorato ad Honorem dal Babson College. È autore di diversi libri best-seller e impegnato in numerose attività filantropiche in tutto il mondo.

"Creare strumenti migliori e far progredire il mondo con la bellezza: sono questi due obiettivi che oggi ci poniamo guardando alle tecnologie e che già centinaia di anni fa, proprio qui in Italia, trovarono una risposta nel Rinascimento. Ne sono una dimostrazione la Cupola del Brunelleschi e il David di Michelangelo: nel Rinascimento la bellezza era una conversazione, un'interazione, uno scambio", ha proseguito. "Oggi stiamo entrando in un altro periodo storicamente altrettanto generativo e mentre i maestri del Rinascimento hanno rimodellato soprattutto il mondo fisico, noi abbiamo la stessa opportunità con quello delle idee: stiamo già vedendo come l'intelligenza artificiale può potenziare il modo in cui condividiamo le idee o ci esprimiamo" e continua citando esempi di progressi già in corso in campo industriale, medico, linguistico, antropologico. "Sono onorato di essere qui con voi, 900 anni dopo che questa università è stata fondata. Ora c'è un futuro eccitante e bellissimo, pronto per essere plasmato. Gli strumenti sono nelle vostre mani" ha concluso.

A presentare l’ospite durante la cerimonia è stata Claudia Manca, giovane ricercatrice di Organizzazione Aziendale. Reid Hoffman ha poi ricevuto da parte del Magnifico Rettore dell’Università di Bologna, Giovanni Molari, il Sigillum Magnum dell’Alma Mater Studiorum, massima onorificenza dell’Ateneo. Il Rettore dell’Università di Bologna, ha sottolineato come "È sempre una gioia vedere nel cuore della città di Bologna i talenti che sono venuti qui per formarsi e sono chiamati a restituire alla società tutto ciò che hanno imparato con tanta dedizione. Questo ci ricorda l’inscindibile nesso che lega Bologna alla sua università. Non dobbiamo mai dimenticare che si tratta di un unicum di cui essere convinti custodi e orgogliosi eredi, chiamati a far crescere e rilanciare il patrimonio ricevuto. Anche per questo siamo felici di ospitare un esempio egregio di contaminazione tra discipline e saperi come Reid Hoffman, che ci ha indicato la via per tradurre l’innovazione in strumenti utili e duraturi, nati per intercettare le necessità di un mondo sempre più complesso".

Continua a leggere su BolognaToday.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa in piazza per il Graduation Day. Super ospite il fondatore di LinkedIn | FOTO

BolognaToday è in caricamento