Coronavirus, gli studenti ‘interrogano’ la dottoressa

GLI STUDENTI DELL'IIS "ARRIGO SERPIERI" DI BOLOGNA A CONFRONTO CON CHI VIVE LA PANDEMIA IN PRIMA LINEA

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

La buona pratica: condividere le informazioni con i nostri studenti però informazioni ricevute da fonti accreditate perché provenienti da chi è sul campo.Per questo motivo abbiamo organizzato un incontro virtuale con la Dottoressa Grazia Pecorelli, durante il quale gli studenti faranno le domande che forse tutti noi ci stiamo facendo. Coltiviamo in questo modo la consapevolezza che il futuro dipende da come stiamo affrontando questa fase di emergenza, a partire dall'accoglienza e dalle misure straordinarie messe in atto dalle nostre strutture ospedaliere. Sappiamo che la tenuta del sistema dipende dalle persone che sono impegnate nei reparti "in prima linea". La prima dimostrazione di gratitudine nei loro confronti è ascoltare quello che hanno da dirci. Magari guardandoci negli occhi, seppure attraverso uno schermo, e ringraziando ancora ad ogni domanda, ad ogni risposta e a tutti i preziosi consigli che forse ci salveranno la Vita.Ne parleremo giovedì 16 aprile alle 18.00 con la Dottoressa Grazie Pecorelli del Policlinico Sant'Orsola - Malpighi di Bologna - Pronto Soccorso e con gli studenti del'Istituto Agrario Arrigo Serpieri di Bologna e delle sedi di Loiano e Sasso Marconi.

L'incontro DOMANDE SUL CORONAVIRUS (COVID-19)? NE PARLIAMO CON GRAZIA PECORELLI - GLI STUDENTI DELL'IIS "ARRIGO SERPIERI" DI BOLOGNA A CONFRONTO CON CHI VIVE LA PANDEMIA IN PRIMA LINEA sarà svolto in modalità virtuale su piattaforma Google Meet. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento