menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Lido di Casalecchio come era nel passato

Il Lido di Casalecchio come era nel passato

Estate 2020 a Bologna: 4 posti dove sentirsi in vacanza restando in città!

I bolognesi del passato conoscevano bene questi luoghi e queste erano le loro vacanze, senza bisogno di andare al mare: se restate in città potreste fare come loro e riscoprire spiaggie, specchi d'acqua e cascate che vi stupiranno come foste turisti

A Bologna come se fossimo in vacanza. Ci si può sentire così? Certo che sì e il passato ce lo insegna: basta dare un'occhiata alle vecchie foto per scoprire che la villeggiatura di una volta si fonsava su piccoli tesori a pochi passi dalla città, freschi e con possibilità di balneazione, facili da raggiunti ma perfetti per sentirsi fuori dal mondo, viziati con le moderne comodità. 

Ecco i quattro luoghi dove sentirsi in vacanza a due passi da Bologna: 

1. Lagolandia: i laghi che una volta erano il mare dei bolognesi

Lagolandia-2

Dove andavano in vacanza i bolognesi quando la Romagna era ancora troppo lontana viste le strade, le auto e i tempi di percorrenza troppo lunghi per una giornata fuori porta? Nei laghi della zona! Per una domenica al fresco, per un tuffo in acque limpide, per un pic-nic e i giochi dei bambini. Lago di Castel dell’Alpi, Lago di Brasimone, Lago di Santa Maria e Lago di Suviana: sono questi gli specchi d'acqua proposti da “Lagolandia – Villeggiatura Contemporanea”, con un format anomalo progettato appositamente in risposta all’emergenza Covid-19. Saranno dunque queste le mete proposte dalla rassegna del bordolago. 

Per questa estate sono stati programmati 8 fine settimana da luglio a ottobre sui quattro bacini appenninici, due per location, con tre cammini per ogni fine settimana e un totale di ventiquattro appuntamenti. I posti sono limitati, l’iscrizione obbligatoria e i camminatori saranno tenuti a recarsi autonomamente ai punti di partenza dei Sentieri, ragionati appositamente ad anello, ma il cuore pulsante della “villeggiatura contemporanea” resiste e conta su sempre nuovi ospiti e alcuni grandi ritorni. 

2. Podere Canova: al fresco sui colli, relax di giorno e musica la sera 

Podere Canova-2 Un pezzo di collina bolognese con vista rilassante e suggestiva (si vede anche San Luca, silenzio e profumi della natura e un'atmosfera "vacanziera" dalla mattina alla sera, quando come da programmazione estiva, musica e incontri movimentano il post aperitivo. Podere Canova, si trova sui colli fuori porta Castiglione, nei pressi di Forte Bandiera, dove, con attività di cura del verde, orticoltura e apicoltura, si contrasta l’emarginazione e si favorisce l’inclusione sociale di persone in disagio psichico. La rassegna che presenta per quest'estate è a cura dell’associazione Il Ventaglio di Orav con l’aiuto di Auser Volontariato Bologna e Avola Coop Sociale, ma rassegna a parte l’aia del Podere Canova (è in via Gaibara 1) è accessibile con tessera anche per speciali aperitivi, letture al sole e chi più ne ha più ne metta. 

Per garantire la sicurezza di tutti secondo le norme vigenti, i posti sono limitati ed è richiesta la prenotazione tramite Facebook www.facebook.com/podere.canova.7 o con WhatsApp al 340 486 8805.  L’ingresso è riservato ai soci (la tessera € 10 può essere fatta anche al momento dell’ingresso e comprende la copertura assicurativa). Per gli eventi, Il contributo volontario èun importante aiuto per le attività socialmente inclusive. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

Covid-19: ecco i 5 DPI più efficaci per contrastarlo

social

Tortelli di Canevale: la ricetta dello chef Stefano Barbato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento