menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Voglia di terra e di natura: 10 fattorie didattiche a pochi passi da Bologna

La prima regione italiana ad avere una carta sulle "fattorie didattiche" è stata proprio l'Emilia Romagna e oggi sono tantissime le fattorie che hanno anche una ‘sede di apprendimento’

Tappe ideali per chi sente il desiderio di riavvicinarsi alla terra e alla natura sono le fattorie didattiche: aziende agricole che offrono anche attività di tipo educativo. 

La prima regione italiana ad avere una carta sulle "fattorie didattiche" è stata proprio l'Emilia Romagna e oggi sono tantissime le fattorie che hanno anche una "sede di apprendimento". 

A pochi passi dal centro di Bologna ce ne sono molte: la nostra mini-guida!                                        

1) Corte dell'Abbadessa, Via Croara, 7/1, San Lazzaro di Savena. 
Azienda di 6 ettari sulle colline del Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa. Olmi, querce, sambuchi, aceri e biancospini, salici e gelsi fanno da contorno al rio che attraversa il fondo. E poi uccelli – dal picchio alla cincia e al fagiano – piccoli predatori (riccio, istrice, tasso, faina, volpe) e caprioli Si producono frutta, ortaggi, olio d’oliva, olio essenziale di lavanda e miele, e si allevano pecore, cani maremmani, animali da cortile.

Percorsi e laboratori didattici su olivo, piante officinali, piatti tradizionali, apicoltura, riciclo e agricoltura a km 0. 

2) "Arvaia", via Olmetola 16 . E' il temine dialettale bolognese per indicare i "piselli". La fattoria si pone l'obiettivo di avvicinare i bambini alla produzione agricola e alle tecniche dell'agricoltura biologica.

Dalla semina, al diserbo manuale o con gli attrezzi e la raccolta dei frutti della terra. I corsi si svolgono all'aperto e sono rivolti a bambini, classi della scuola primaria e secondaria di primo grado. 

3) "La fattoria urbana", Via Pirandello 5. Conoscere gli animali e imparare a rispettarli, comprendere i cicli della natura e seguire da vicino il lavoro nell’orto, a pochi chilometri dal centro cittadino. La Fattoria Urbana sorge nel quartiere S. Donato di Bologna, facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, e offre la possibilità di  toccare con mano, sentire il profumo e assaporare i sapori dei prodotti degli orti: in pratica vivere un’esperienza sensoriale della natura in città.
I destinatari principali dei progetti didattici proposti sono le scuole, ma è possibile effettuare percorsi anche per gruppi di privati (feste di compleanno per bambini, gite di fine anno scolastico con i genitori…) e per altri centri extra-scolastici (centri estivi, baby-parking, comunità, …). 

4) Copaps "Il Monte", via Castello 59, Sasso Marconi. Azienda di 22 ettari dei quali 16 di bosco. Si possono osservare interessanti nidificazioni di rapaci. Si coltivano piante aromatiche con certificazione biologica, ciliegie, ortaggi e officinali..Si producono passata di pomodoro, ortaggi, sott’olio, triti aromatici e oli essenziali.

Si impara a raccogliere frutta e verdura, impastare la sfoglia e tirarla con il matterello, si scoprono il bosco, i suoi segreti e i suoi abitanti con osservazione degli alberi e della flora spontanea e gli animali selvatici. Si impara a realizzare un orto didattico di classe nello spazio verde scolastico. Tutti i moduli sono rivolti alle scuole primarie e secondarie e si svolgono da febbraio a ottobre.

L'azienda è dotata di tre impianti fotovoltaici ed è prevista la visita al parco eolico conosservazione di un impianto di produzione di energia eolica. 

5) "Fattoria Quercia", via Mulino 909 - Fagnano di Castello di Serravalle in Valsamoggia. 10 ettari in collina coltivati a frumento, erba medica, ortaggi, piante officinali, alberi da frutto e vite. In posizione panoramica sulla sponda sinistra del torrente Samoggia, lungo il sentiero fluviale Savigno-Monteveglio, la fattoria è circondata da vigneti, frutteti e bosco con annesso bacino naturalizzato. È possibile avvistare aironi, garzette, picchio verde, upupa, cinciallegre, cinghiali, lepri, volpi.

Percorsi: Scoprire l'origine del cibo tramite osservazioni e manipolazioni, Storia del vino e fermentazione dei mosti, Raccolta, osservazione e manipolazione dell'uva. 

6) Piccola Raieda, via Brento 3 - Sasso Marconi. Azienda di collina, situata all'interno della Riserva Naturale del Contrafforte Pliocenico, circondata da pascoli e boschi di castagno, carpino e quercia. Si coltivano lavanda, ortaggi, alberi da frutto e lamponi. Si allevano cavalli e animali da cortile. L’azienda produce miele, marmellate, conserve e olio essenziale di lavanda.

Diverse le proposte di percorsi e laboratori didattici: La Linea Gotica e la battaglia di Brento, Cavallo da soma e gambe in spalla e Dal fiore al miele

7) "Il Farneto", Via Collina, 1  Monterenzio. Azienda di montagna all'interno di un'area faunistica venatoria. Si coltivano con il metodo biologico grano, orzo, altri cereali ed erba medica. Si allevano bovini da latte e da carne ed anche asini, ovini e animali da cortile. 

Tra i percorsi proposto: tradizioni, usi, costumi, proverbi, conoscere il grano e gli ingredienti per fare il pane, la semina, il raccolto, le macchine per lavorare la terra, le produzioni e la catena alimentare. E poi il mondo della stalla, la mungitura ed il ciclo "dal latte al formaggio". 

8) "Il Giardino di Pimpinella", Via Medelana, 23, Luminasio di Marzabotto. Azienda di montagna dove si coltivano piante officinali e castagneto. 

Si propongono laboratori di manipolazione e trasformazione con le erbe tradizionali per creare sali aromatici, erbari, saponi, laboratori creativi con erbe e fiori, visita a un’arnia didattica, descrizione del mondo delle api, smielatura e merenda con pane e miele.

9) Le Terremare, via Mazzoni 121 - Anzola nell'Emilia. Azienda di 7 ettari, di cui 5 dedicati alla fattoria didattica. Un Nodo Ecologico registrato con oltre 4.000 esemplari fra alberi autoctoni, cespugli e fiori, tre zone umide, molte specie di insetti, uccelli, anfibi e rettili. Si allevano api con cui si producono miele, idromele e derivati. Si coltivano inoltre frutti antichi e frutta di stagione, lavanda, vite, cereali e orticole tramite il metodo Fukuoka, con orti sinergici e in permacultura.

Tra i percorsi proposti, l'alveare: vita, storie e miracoli, gli uccelli del bosco, rettili e anfibi del parco, zanne e artigli, dalla vite all'aceto balsamico, riuso e riciclo, Fukuoka, gli orti sinergici e la permacultura. 

10) Fattoria Michelini, via Bosco 7 - Castenaso. Azienda di pianura di 8 ettari coltivati a colture erbacee, cereali, foraggi, ortaggi e patate. Caratteristico è il macero storico nelle vicinanze del centro aziendale. L'azienda alleva bovini da latte e da carne, capre, asini, maiali e animali da cortile. In azienda si svolge la lavorazione della carne e la successiva vendita.

Percorsi e laboratori didattici: L'arte del formaggio, L'arte del pane, dalla spiga alla pagnotta. 

Attenzione: a causa dell'emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19 è bene contattare le strutture per capire aperture ed eventuali modalità di accesso stabilite in base ai decreti governativi in vigore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento