Giovedì, 17 Giugno 2021
Attualità

Emma e le altre, quali dinamiche dietro il femminicidio? Lo psicologo: "Manca l'educazione a separarsi"

"Fin da quando siamo piccoli ci raccontano delle fiabe che finiscono con un classico "E vissero tutti felici e contenti". Bisognerebbe aggiornare queste favole". Dall'efferato omicidio avevnuto nel weekend a Bologna parte l'analisi di Stupiggia, psicologo e psicoterapeuta, che indaga l'animo umano fino a rintracciare nodi ancestrali

Stupiggia

Maurizio Stupiggia, psicologo, psicoterapeuta e direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Biosistemica di Bologna nonchè docente all'Università di Milano prova ad analizzare il femminicidio di Emma Pezemou dal punto di vista della "mente". Cosa potrebbe essere successo fra la studentessa camerunense e il suo compagno, che gli investigatori ritengono responsabile di aver ucciso, dissezionata e gettato in un cassonetto la compagna per poi tolgleirsi la vita?

Non solo nel caso specifico, ma anche in generale, quali dinamiche scattano nei casi di femminicidio? 

"Non conoscendo l'episodio e la storia di questa coppia nei dettagli, la prima cosa a cui penso davanti a fatti drammatici come quello accaduto in questi giorni, è che ci manca l'educazione a separarsi. Manca in tutto il pianeta, non si parla di differenze fra Paesi: siamo in Camerun come in Italia. Fin da quando siamo piccoli ci raccontano delle fiabe che finiscono con un classico "E vissero tutti felici e contenti". Bisognerebbe aggiornare queste favole con narrazioni diverse e aperte, visto che è anche su queste che costruiamo le nostre aspettative di vita e che da piccoli, quando le ascoltiamo e le assorbiamo, non disponiamo ancora di un apparato critico. E se poi il re è felice e la regina no? Se è la regina a non essere felice?". 

Fin da quando siamo piccoli ci raccontano delle fiabe che finiscono con un classico "E vissero tutti felici e contenti". Bisognerebbe aggiornare queste favole

Il problema nei casi di femminicidio sarebbe dunque l'incapacità di accettare (da parte dell'uomo), la fine di una relazione?

"Un copione che ritroviamo spesso ci racconta questo, ma in questa chiacchierata stiamo generalizzando. Potrebbe però essere il caso della storia fra Emma e il suo compagno, che alla fine l'avrebbe uccisa. Assistiamo spesso a omicidi-suicidi e se è vero che ogni soggetto ha i propri sentimenti, credo che succeda qualcosa che possiamo definire 'rabbiosa impotenza' per cui si sente di essere senza via di uscita. L'uomo è il coplevole ma la situazione è asfissiante e si arriva a una distruttività profonda che puà essere eterodiretta o autodiretta: verso gli altri o verso se stessi. Consideriamo anche che a volti siamo obbligati a restare insieme dalla cultura. Quello che può aiutare la coppia è l'apertura verso l'esterno". 

Cosa ci succede quando proviamo terrore?

"Si rompono le connessioni con gli altri. Si sprofonda in uno stato di solitudine interna estrema. Ci si sente gli unici al mondo capaci di provare questa cosa, chiamata senso di emotional isolation. In pratica non si ha più il senso di fiducia che permette di condividere con l'altro". 

Casa delle Donne: "Trend violenze non si abbassa. 35/40 persone ogni mese ci chiedono aiuto"

Fatta a pezzi e gettata tra i rifiuti: “La violenza che uccide una donna è la sconfitta di un popolo” 

Omicidio Emma e il presunto movente della gravidanza: "L'autopsia chiarirà" 

Omicidio Emma, le indagini si concentrano intorno all'arma e al luogo del delitto 

Donna uccisa e gettata nel cassonetto, un amico: "L'ho vista giovedì, avrei potuto dirle qualcosa in più" |VIDEO 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emma e le altre, quali dinamiche dietro il femminicidio? Lo psicologo: "Manca l'educazione a separarsi"

BolognaToday è in caricamento