Il nonno è ricoverato per Covid e si presentano con uno striscione: infermiera non resiste e scatta una foto

A raccontare quanto accaduto è il Policlinico Sant'Orsola attraverso i social

Foto Facebook

I nipoti volevano far sentire la propria vicinanza al nonno ricoverato per Covid-19 nel Policlino Sant'Orsola e si sono presentato sotto all'ospedale con uno striscione di incoraggiamento: una scena che non è sfuggita a un'infermiera, che senza pensarci due volte ha rassicurato i ragazzi sulla salute del nonno, inviando poi uno scatto.

Un gesto di umanità in un momento difficile, ma è solo uno dei tanti compiuti da chi ogni giorno è in trincea per assistere i malati da Coronavirus. 

La notizia di quanto accaduto è stata pubblicata sui social dal Policlinico, e si legge: "Domenica di novembre, Policlino di Sant'Orsola,un reparto a bassa intensità NoCOVID trasferito velocemente al Padiglione 1 per creare posti letto dedicati ai pazienti Covid che purtroppo continuano a crescere. Tutto di corsa, un trasferimento da gestire, percorsi da creare, pazienti da seguire. Oggi non è ancora possibile fare entrare nessuno a trovare i pazienti e allora i nipoti del signor Vittorio lo salutano così. Regiba Cerrato - prosegue il post - infermiera del reparto vede lo striscione apre le finestre e rassicura i ragazzi: “tranquilli il nonno sta bene. È così solo per oggi, da domani quando avremo creato i percorsi sicuri potrete venire a trovarlo". Il Policlinico poi rimarca tutte le misure da adottare per evitare il contagio, invitando a mantenere, nonostante tutto, umanità nei confronti degli altri. 

La foto dello striscione dei nipoti di nonno Vittorio, e lo scatto dell'infermiera: 

ospedale-10

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

Torna su
BolognaToday è in caricamento