rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità

Covid, "Gel poco efficaci vs il virus o pericolosi": scattano sanzioni e i sanitari mettono in guardia

Diegoli, del servizio Prevenzione collettiva e sanità pubblica della Regione, a cominciare con un avviso: "Insieme al distanziamento fisico e all'uso della mascherina, è l'uso di disinfettanti e detergenti a caratterizzare in questa fase la prevenzione alla diffusione del Covid

Le sanzioni sono scattate e continuano ad essere emesse, ma "al di là dei verbali è la mancanza di efficacia dei prodotti contro il virus o addirittura la loro pericolosita', per chi li usa o chi ne viene a contatto, a far sì che questo settore debba essere particolarmente controllato oggi". È la raccomandazione che emerge oggi dal webinar "Un primo controllo della pericolosita' dei sanificanti presenti sul mercato al tempo del Covid-19", promosso da Unioncamere Emilia-Romagna, in collaborazione con i dipartimenti di Sanita' pubblica delle Ausl di Bologna, Ferrara e Imola, per aggiornare le imprese sulla dinamiche di un comparto piu' che mai nel vivo.Nel corso del seminario online tecnico e' Giuseppe Diegoli, del servizio Prevenzione collettiva e sanita' pubblica della Regione, a cominciare con un avviso: "Insieme al distanziamento fisico e all'uso della mascherina, e' l'uso di disinfettanti e detergenti a caratterizzare in questa fase la prevenzione alla diffusione del Covid.

Proprio l'esplosione del mercato in questo settore- evidenzia il veterinario- ha fatto si' che anche produttori improvvisati o impreparati si inserissero nel mercato. Di qui si e' avvertita l'esigenza, da parte delle imprese, di conoscere i principi di corretta classificazione e individuazione dei prodotti. Ma si e' avvertita anche l'esigenza di conoscenza, da parte dei colleghi dei dipartimenti di sanita' pubblica, di criticita', verifiche e controllo in questo mercato". Se quindi anche la stessa Commissione Ue ha confermato che e' aumentato il numero di prodotti chimici legati alla sanificazione e disinfettanti, quelli presenti nel mercato in questa fase anche se non conformi alle normative previste non mancano.

Tra diffide, sanzioni e ritiro di prodotti anche in Italia, e' emerso "un quadro complessivo ingannevole per il consumatore, oltre a criticita' per le imprese e un problema di inefficacia per la salute", nell'ottica del blocco reale alla diffusione del Covid. Puntualizza Diegoli: "Solo nella nostra regione, in questo periodo sono stati completati 150 controlli ufficiali, verificando 57 tipologie di prodotti chimici sanificanti fabbricati e distribuiti da 43 imprese. L'aspetto piu' rilevante e' che, dei 150 controlli sui 57 prodotti verificati, sono state trovate 65 non conformita', quindi il 42%, su un totale di controlli che hanno fatto scaturire 39 verbali sanzionatori per illecito amministrativo", dettaglia l'esperto regionale. La produzione di presidi medico-chirurgici, emerge tra l'altro al webinar di Unioncamere Emilia-Romagna, e' comunque subordinata ad un'autorizzazione del ministero della salute (Dpr 392 del 1998): le imprese che intendono produrli, anzitutto, devono inoltrare una specifica richiesta al ministero, fornendo diverse informazioni tecniche anche sull'officina di produzione. (Agenzia Dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, "Gel poco efficaci vs il virus o pericolosi": scattano sanzioni e i sanitari mettono in guardia

BolognaToday è in caricamento