menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cremeria Cavour, per i 10 anni di attività un nuovo nome e gelato gratis

Dieci anni di attività e una giornata speciale per celebrarli. I titolari della gelateria di Piazza Cavour, spiegano: "Siamo sempre noi, ma abbiamo cambiato nome. Oggi eventi per bambini e gelato in regalo"

Una giornata speciale quella di oggi per la Cremeria Cavour, la gelateria che per i suoi dieci anni di attività festeggia cambiando nome e logo, ma mantenendo persone e ricette invariate: i titolari sono sempre i fratelli Alessandro e Stefano Boltim e la qualità del gelato la stessa di sempre, anzi, in aggiunta anche qualche novità. 

«Oggi pomeriggio una cestina di gelato gratis per tutti e attività per i bambini»

«Oggi vogliamo festeggiare così, deliziando tutti quelli che amano il nostro gelato. Dalle 13.30 alle 20.00 in regalo per chi verrà da noi una cestina di gelato media - spiega Alessandro Boltim - palloncini e truccabimbi per divertire i più piccoli e dalle 16.30 animazione sotto i Portici con la Leoscienza». Inoltre ci sono "Cinque gusti in cerca di nome" e un piccolo contest per battezzare delle ricette storiche che, come per la cremeria, avranno una nuova etichetta pur restando gli stessi. 

L'avventura "golosa" di Alessandro e Stefano è nata nel 2005, quando dalla gestione di una piccola stazione di servizio sempre qui a Bologna, hanno deciso di buttarsi in un settore che desse spazio a fantasia e creatività, scegliendo da sè le migliori materie prime: «Con il gelato si materializzano i nostri sogni e non smettiamo mai di sperimentare. Fra le prossime novità l'Ortodelizia, un mangia e bevi composto da un mix di verdura fatta a sorbetto».

Un'altro grande amore di questi due soci-fratelli è proprio la loro piazza ed anche per questo che il nuovo nome della cremeria la richiama: «Il nostro giardino grazie alla cittadinanza attiva, alla collaborazione con l'Arma dei Carabinieri è diventato sempre più bello e sicuro - racconta Alessandro - c'è sinergia con chi vive qui e nel tempo, anche grazie al passaggio di persone dato dalla nostra attività, le cose sono decisamente migliorate».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento