rotate-mobile
Attualità Centro Storico

Il tortellino viaggiatore. Un ponte tra Bologna, Londra e Johannesburg

Un filo che unisce, Bologna, Londra e Johannesburg. Parte l'iniziativa natalizia organizzata dal Caffè dei Gomitoli in sostegno dell'asilo gestito dell'Ong sudafricana Women of Vision.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Grazia Baravelli, nata e vissuta a Bologna, fin da bambina lavora a maglia ed uncinetto. Dopo varie esperienze di gruppo, approda al Caffè dei Gomitoli dove Cristina Longati la fa sentire subito a casa.

Il Caffè dei Gomitoli è in Strada Maggiore, molto vicino a via Fondazza…questa vicinanza è il punto focale. Grazie a diversi strani incastri della vita, la sua strada s’incrocia con Loretta Napoleoni, Federico Bastiani, Laurell Boyers e l’Ong Women of Vision in Sudafrica che gestisce un asilo nella township di Westbury a Johannesburg.

L’anno scorso il locale bolognese ha sostenuto l’attività dell’asilo con una raccolta fondi vendendo decorazioni realizzate dagli amici che frequentano il Caffè dei Gomitoli. Natale è alle porte Ma adesso arriva il Natale e la vulcanica Grazia ha avuto un’altra delle sue idee. Ha letto su un giornale di una famiglia che, da via Fondazza, colta da mal d’Africa, si è trasferita a Johannesburg ed ha aperto un negozio di pasta fresca, divenuto poi un ristorante. Nasce così l’idea dell’addobbo natalizio “tortellino viaggiatore” che viaggia da Bologna a Johannesburg passando per Londra.

Quest’anno, grazie alla nota magliaia Loretta Napoleoni, si aggiunge alla raccolta fondi natalizia anche Knit Nat London, un gruppo di magliaie londinese che supporteranno l’iniziativa. Le magliaie bolognesi e quelle londinesi uniranno gli sforzi e realizzeranno dei tortellini all’uncinetto che verranno venduti da Knit Nat e dal Caffè dei Gomitoli al prezzo di 5 euro l’uno, proventi interamente devoluti a Women of Vision. Per fare cosa? L’obiettivo della raccolta fondi per Women of Vision Qualche mese fa l’azienda Lenovo ha gentilmente donato all’asilo Women of Vision, dei computer per allestire un angolo tecnologico con l’obiettivo d’insegnare il coding ai bambini. Internet è molto costoso in Sudafrica e la scuola non riesce a garantire sempre la connessione. Per questo motivo tutti i fondi raccolti serviranno a contribuire alla copertura delle spese di connessione internet (che ammontano a 35 euro al mese).

Quest’iniziativa è stata possibile grazie alla collaborazione del Caffè dei Gomitoli che ha donato la lana, Grazia Baravelli che ha regalato il disegno del tortellino, Marco Martelli che ha contribuito con la grafica e grazie a tutte le magliaie che in queste settimane hanno messo a disposizione il proprio tempo per produrre il “tortellino viaggiatore”. A partire da lunedi 5 dicembre il tortellino natalizio potrà essere acquistato al Caffè dei Gomitoli, Strada Maggiore 77 a Bologna in supporto di Women of Vision al prezzo di 5 euro l’uno. Il sostegno del Caffè dei Gomitoli a Women of Vision continuerà anche dopo Natale e proseguirà per tutto il 2023. Verranno infatti organizzati incontri mensili sui punti della maglia e dell’uncinetto al costo di 5€ a partecipante. Anche in questo caso tutti i proventi saranno devoluti all’Ong sudafricana per mantenere quel “filo” diretto tra Bologna e Johannesburg.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il tortellino viaggiatore. Un ponte tra Bologna, Londra e Johannesburg

BolognaToday è in caricamento