menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In basso il videogioco di STUDIO EVIL. Più sotto il  Nuovo cinema Mandrioli drive in

In basso il videogioco di STUDIO EVIL. Più sotto il Nuovo cinema Mandrioli drive in

Dal videogioco pensato per i malati cronici, al cinema all'aperto: premiati i progetti creativi che sfidano il covid

Attraverso il bando Incredibol! 2020 mezzo milione di euro assegnati a chi non si è fermato, ma ha saputo reagire avviando progetti di innovazione in campo culturale e creativo in reazione all’emergenza sanitaria, con uno sguardo agli effetti della crisi sul lungo periodo

Comune di Bologna e Regione Emilia-Romagna insieme per lo sviluppo del settore culturale e creativo. "In un anno di grande difficoltà come il 2020 le risorse messe a disposizione dai due Enti si moltiplicano - sottolinea Palazzo D'Accursio - e l’edizione 2020 del bando INCREDIBOL! - l’innovazione creativa di Bologna ( progetto coordinato dal Comune di Bologna e realizzato in rete con  soggetti pubblici e privati) assegna oggi contributi per 500 mila euro a chi non si è fermato, ma ha saputo reagire avviando progetti di innovazione in campo culturale e creativo in reazione all’emergenza sanitaria, con uno sguardo agli effetti della crisi sul lungo periodo. In particolare - aggiunge la nota comunale - "la Regione Emilia-Romagna interviene quest’anno con un finanziamento più che raddoppiato per far fronte alle difficoltà del settore, stanziando 400 mila euro, e il Comune di Bologna, oltre a garantire il coordinamento e la gestione del progetto, stanzia 100 mila euro aggiuntivi in contributi.Anche il tetto massimo dei contributi aumenta, fino a 20 mila euro ciascuno; inoltre, come sempre, Incredibol! offrirà alla ‘community’ dei vincitori servizi di formazione, consulenza e promozione, spazi in comodato gratuito e opportunità di networking con i partner del progetto e a livello internazionale."

“Bologna lavora già da dieci anni sul tema delle industrie culturali e creative, e Incredibol! è stato adottato come modello da varie realtà a livello nazionale e internazionale, ma ora la crisi legata al COVID ha fatto emergere con maggiore chiarezza le fragilità proprie di questi settori” - dichiara Matteo Lepore, assessore alla cultura del Comune di Bologna - “la sfida per i nostri talenti è oggi trovare nuove soluzioni, rinnovare le organizzazioni rendendole più resilienti e capaci di guardare al futuro. Servono maggiore attenzione alle capacità manageriali e gestionali e una regolamentazione del lavoro culturale, unite a nuovi sguardi progettuali capaci di coinvolgere e ampliare il pubblico tradizionale. Se sapremo farlo, dalle ceneri di questa crisi potrà nascere un sistema culturale più forte”.

“Sarà dura, ma ce la faremo a far capire a tutti che la cultura non sta solo alla voce costi del bilancio della nostra società, ma è una componente fondamentale della produzione della ricchezza - dichiara Mauro Felicori, assessore alla cultura della Regione Emilia-Romagna. La nostra regione, terra della piccola e media impresa, muovendo da una potente struttura formativa, genera continuamente vocazioni e talenti in campo artistico, che se trovano un ambiente favorevole possono diventare industria culturale e creativa. Incredibol!, frutto della collaborazione fra Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna, è un bell’esempio di come si può con facilità lavorare insieme...”

I progetti spaziano in vari ambiti 

I nuovi vincitori INCREDIBOL! sono  34 e sono stati scelti tra i 193 progetti pervenuti da parte di associazioni, liberi professionisti e imprese di tutta la Regione, un numero senza precedenti. Come ogni anno, i progetti spaziano in molti ambiti: quest’anno la parte del leone è fatta dalla musica, con 10 vincitori su 34, un settore particolarmente colpito dall’emergenza COVID e una filiera di particolare rilievo e consistenza sul nostro territorio, sia alla luce dell’identità di Bologna come città creativa per la musica UNESCO sia della Legge Musica della Regione Emilia-Romagna. Molti i progetti di rimodulazione degli spazi dei locali e dei club della musica dal vivo, in modo da permettere una fruizione diversificata e nuovi ambiti di attività, ma sono da segnalare anche progetti innovativi di formazione e fruizione digitale da parte di orchestre giovanili, nonché progetti di innovazione digitale di etichette discografiche e compositori. Seguono i progetti di innovazione legati all’audiovisivo, 8 su 34, che comprendono attività di emittenti radiofoniche, nuove modalità di produzione cinematografica e di fruizione del cinema all’aperto, nonché progetti legati alle applicazioni della realtà virtuale e dei videogames ad altri ambiti. Sono poi 6 su 34 i progetti di compagnie teatrali e altri soggetti del mondo dello spettacolo dal vivo, che guardano sia alle potenzialità del digitale per superare la crisi momentanea legata alle chiusure, sia a nuove modalità organizzative per le attività ‘in presenza’. Tra gli ambiti di intervento degli altri vincitori prevalgono l’artigianato artistico, la gestione del patrimonio culturale, le arti visive e la letteratura.nuovo-cinema-mandrioli-drive-in

Dal drive in, al videogames pensato per chi ha bisogno di allenarsi con costanza: i progetti selezionati

Tra i vincitori bolognesi del bando figura ad esempio il progetto del nuovo cinema Mandrioli: la storica sala di Minerbio reinventata creando un ‘drive in’ e un’arena estiva per offrire al territorio svago, socialità e sicurezza, sperimentando sinergie con le attività produttive e le comunità della zona.

E ancora troviamo Laminarie, un progetto di televisione di rione autogesestita dai cittadini, formata da professionisti: la
storica compagnia teatrale, che da dieci anni gestisce uno spazio nel quartiere Pilastro di Bologna sviluppando progetti per e con la comunità, ha colto l’occasione della pandemia per dare nuova vita al progetto ‘Teletorre 19’, una tv condominiale che ha fatto storia, attraverso il nuovo progetto di webtv ‘40127 - la televisione DAL Pilastro tra Internet e storytelling e archivi’.

Altro progetto  premiato è quello di STUDIO EVIL – L’impresa di Bologna, attiva nel settoore videogames, che ha cercato nuove soluzioni ai problemi posti dall’emergenza sfruttando la propria esperienza nell’ambito dello sviluppo di prodotti digitali, proponendo un gioco dedicato a pazienti cronici che necessitano esercizio fisico continuo grazie a FisioTrac, un sistema di tracciamento del corpo umano per lo sviluppo di exer-game.

Sono solo alcuni dei 193 progetti di innovazione in reazione al COVID provenienti da tutta la regione Emilia-Romagna che hanno partecipato al bando. Tra questi  sono stati selezionati 15 imprese, 3 liberi professionisti e 16 associazioni, che si aggiudicano contributi in denaro per un totale di 500 mila euro, con un tetto massimo di contributo di 20 mila euro, nonché un accompagnamento su misura in un mix di servizi messi a disposizione dalla rete dei partner: consulenze, formazione e promozione e la possibilità di ottenere spazi in comodato d'uso gratuito.

Incredibol 2020: l'elenco completo dei progetti premiati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

Attualità

700 anni dalla morte di Dante, il rapporto con la città: "Prima l'amore, poi i bolognesi all'inferno. Conosceva il dialetto"

social

Oggi è il Blue Monday: il giorno più triste dell'anno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Chioschi a Bologna e provincia: la nostra mini guida

  • social

    Ricette antifreddo: la Zuppa boscaiola

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento