Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità

Deformità gravissima alla schiena, 15enne a rischio paralisi: salvata al Rizzoli con intervento eccezionale

La malattia che avanza, la pandemia che frena, ma il lieto fine è arrivato. Grazie all'equipe del prof Gasbarrini che racconta: “Una deformità tra le più gravi mai viste...”

La malattia che avanza, la pandemia che frena, ma il lieto fine è arrivato. Una testimonianza che arriva daIl' IRCCS-Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.

Lei ha 15 anni, vive nell'est Europa ed è cresciuta in un orfanotrofio. Da bambina si ammala di tubercolosi, che dai polmoni si localizza anche a livello della colonna vertebrale. La famiglia italiana che la ospita d’estate, nell’ambito di progetti di solidarietà internazionale, contatta il dottor Alessandro Gasbarrini - direttore della Chirurgia Vertebrale a indirizzo Oncologico e Degenerativo  - attraverso la Fondazione Probone, che offre assistenza a persone con malattie vertebrali.

Dopo una lunga terapia antibiotica, monitorata insieme ai medici del suo paese natio, dal  direttore delle malattie infettive dell'IRCCS Policlinico Sant’Orsola prof. Pierluigi Viale, l’infezione è debellata, ma ha colpito e distrutto le vertebre del passaggio dorso-lombare, che si saldano nella deformità. Deformità gravissima in maniera evidente, ed estremamente pericolosa perché, comprimendo il midollo spinale, causa dolori fuori controllo e minaccia la funzionalità delle gambe.

IOR_15anni schiena_pre e post intervento-3

Tutto pronto per l'intervento, poi la pandemia e il rischio paralisi

“Avevamo pianificato l’intervento, ma a un passo dalla sua realizzazione è scoppiata la pandemia - racconta Gasbarrini. - Il rinvio è stato però solo di poche settimane perché la situazione continuava a peggiorare e non era possibile aspettare ulteriormente: il rischio paralisi era incombente e il caso è stato uno dei cosiddetti indifferibili che abbiamo curato nel pieno dell’emergenza Covid nella primavera del 2020.”

Una vertebrectomia per rimuovere la vertebra cuneizzata e sostituirla con una protesi in titanio. E' il delicato intervento eseguito al Rizzoli. "Un'operazione durata 8 ore - raccontano dallo IOR - che pochi altri centri in tutto il mondo sono in grado di affrontare, la colonna vertebrale di V.B. è dritta e il midollo spinale perfettamente funzionante".

IOR_Alessandro Gasbarrini-3

La nuova vita, di corsa

E quest’estate quando la ragazzina è tornata al mare in Italia, accolta dalla sua famiglia delle vacanze, ha voluto rendere partecipe il Rizzoli dell'ottimo stato di salute del quale gode. Oggi è perfettamente in grado di correre, come testimonia un video girato in spiaggia e inviato ai medici che l'hanno avuta in cura. Una testimonianza toccante e gratificante insieme, come emerge dalle parole del prof Gasbarrini: “Quando abbiamo ricevuto il video in cui corre in spiaggia, è stato inevitabile sovrapporre l’immagine a quella prima dell’intervento: la schiena con una deformità tra le più gravi che abbia mai visto.”  

Un tumore raro, un intervento da record, poi il parto con uno sterno in titanio: storia a lieto fine al Sant’Orsola

Trapianto del rene a coppia, il medico: "Grande gesto d'amore. Potranno vivere entrambe normalmente"

Sant'Orsola: "Eseguito primo trapianto di cuore al mondo da donatore positivo al covid a paziente negativo"

(FOTO: Prima e dopo l'intervento. E il prof Gasbarrini)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Deformità gravissima alla schiena, 15enne a rischio paralisi: salvata al Rizzoli con intervento eccezionale

BolognaToday è in caricamento