rotate-mobile
Attualità

La straordinaria impresa dell'isola delle rose. Ricordando l’ingegnere bolognese Giorgio Rosa, alla vigilia del suo 97enne compleanno

Ricordiamo "La vera storia tra il fulmine e il temporale" scritta in prima persona dal geniale creatore in un libro ricco di documenti ufficiali, foto originali e disegni inediti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

"L’Isola delle Rose. La vera storia tra il fulmine e il temporale" è il libro in cui l’ingegnere bolognese, Giorgio Rosa, scomparso 5 anni fa, racconta in prima persona la storia della progettazione e della costruzione nel 1968 della piattaforma al largo delle coste di Rimini, dichiarata poi Stato indipendente. Una micronazione, denominata Repubblica Esperantista dell’Isola delle Rose, divenuta famosa anche grazie al film con Elio Giordano andato in onda su Netflix nel 2020 e al romanzo di Walter Veltroni nel 2012. Storie di finzione liberamente ispirate alle vicende dell'Isola che però poco hanno a che fare con la realtà storica dei fatti, narrata invece nel libro uscito per Persiani Editore nel 2009 e poi, in una nuova edizione nel 2021, in occasione del lancio del film. Il libro-memoriale riporta alla luce le avventure “piratesche” (come amava definirle Rosa) che per tanti anni sono rimaste nell’oblio e che nel 2008 l'Ingegnere diede all'editore Paolo Emilio Persiani, per pubblicarlo insieme a una sua videointervista, anche per fare chiarezza sulle tante dicerie e falsità che annebbiavano la memoria dell’Isola.

Nell’anniversario della nascita del geniale ingegnere, nato a Bologna il 19 febbraio 1925, lo ricordiamo ancora per la sua straordinaria impresa. In questo libro Rosa ricostruisce tutte le tappe che portarono dagli entusiasmi della realizzazione fino all’epilogo, con l’indebita occupazione della Marina Militare Italiana e il suo primo e unico intervento d’aggressione militare dopo il periodo fascista, a quello che era in punta di diritto uno stato libero, sovrano e indipendente, che portò alla distruzione dell’isola. Per rendere più vivo il ricordo dell'impresa e comprendere al meglio la storia dell'Isola delle Rose, il libro è arricchito da numerosi e preziosi documenti originali dell'epoca, fotografie e disegni inediti. Materiale che testimonia le varie fasi tecniche, politiche e giuridiche della preparazione, progettazione e costruzione dell'Isola, sino al suo epilogo. In un periodo storico in cui l'azione individuale degli italiani era fortemente limitata dall'autoritario controllo politico, Giorgio Rosa, decise di costruire un proprio luogo atipico in cui potersi sentire davvero libero: “Bisognava inventarsi tutto, ma è il bisogno che crea le premesse della civiltà”.

Giorgio Rosa nasce a Bologna nel 1925, si laurea in Ingegneria Meccanica sempre a Bologna nel 1950 ed eserciterà sempre la professione, oltre a essere consulente e insegnante. Apolitico, si è sempre battuto contro tutte quelle sovrastrutture che limitano le libertà dell’uomo. "L’Isola delle Rose. La vera storia tra il fulmine e il temporale" di Giorgio Rosa 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La straordinaria impresa dell'isola delle rose. Ricordando l’ingegnere bolognese Giorgio Rosa, alla vigilia del suo 97enne compleanno

BolognaToday è in caricamento