San Lazzaro: dedicata a Matteo Zamboni la nuova area calisthenics

Grande inaugurazione al Parco della Resistenza. Scoperto anche il murales realizzato dal writer inglese Rocket01

IIl murales davanti alla nuova area dedicata a Matteo Zamboni

E' stata inaugurata e dedicata a Matteo Zamboni, il giovane fotografo sanlazzarese scomparso in seguito a un incidente stradale mentre tornava dal lavoro, la nuova area per il Calisthenics a San Lazzaro di Savena, all'interno del parco della Resistenza. L’area, realizzata prima dell’estate accanto alla palestra Rodriguez, consiste in una struttura metallica dotata di pavimentazione anti-trauma, che viene utilizzata per esercizi a corpo libero.

Il Calisthenics è  un metodo di allenamento fisico a corpo libero legato alla ginnastica artistica, con cui condivide alcuni esercizi e soprattutto l’attenzione alla corretta esecuzione dei movimenti. A differenza della ginnastica artistica, però, il Claisthenics si può praticare in palestra, a casa, all'aria aperta, un po’ ovunque, tanto da essere stato definito uno street workout (allenamento da strada).

La proposta di realizzare un’area dedicata al Calisthenics era arrivata all’inizio dell’anno da un gruppo di ragazzi sanlazzaresi, tra cui l’atleta Andrea Trebbi, che pratica questa disciplina a livello agonistico. Gli stessi ragazzi, che praticavano il Calisthenics assieme a Matteo, avevano chiesto che il loro amico venisse ricordato con questa struttura. Proposta che è subito stata accolta dal sindaco Isabella Conti, con un investimento di circa 15mila euro.

“Quando i ragazzi mi hanno presentato questo bellissimo progetto mi sono subito attivata per renderlo realtà – ha spiegato il sindaco Isabella Conti –. Abbiamo investito tanto sullo sport, sulle attrezzature e i giochi nei parchi pubblici proprio perché le aree verdi devono diventare un vero luogo di aggregazione, salute e partecipazione. Questa area però, ora dedicata a Matteo Zamboni, rappresenta anche il ricordo di un giovane sanlazzarese, amante della vita e della fotografia. Abbiamo voluto celebrare la vita e i nostri ragazzi anche con un murales, che ricopre un’intera parete della palestra Rodriguez come un messaggio di speranza, mentre nei prossimi mesi verranno calendarizzati una serie di incontri dedicati ai più giovani sulla sicurezza stradale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il murales è stato realizzato dal writer inglese Rocket01, presente all’inaugurazione insieme ad alcuni atleti di Calisthenics , che si sono esibiti in una dimostrazione di questa disciplina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

Torna su
BolognaToday è in caricamento