menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arte delle sfogline patrimonio Unesco: primo passo del Comune di Bologna

Il sindaco Virginio Merola: "A seguire questo percorso incaricherò Franco Grillini che si batte da tempo affinché a questa professione venga dato un giusto riconoscimento"

“Il Comune di Bologna aderisce più che volentieri al percorso della candidatura all’Unesco dell’arte delle sfogline. A seguire questo percorso incaricherò Franco Grillini che si batte da tempo affinché a questa professione venga dato un giusto riconoscimento e che sull’argomento ha presentato in passato progetti di legge in Regione e in Parlamento”. Queste le parole del sindaco di Bologna Virginio Merola in merito al percorso di candidatura dell’arte delle sfogline a patrimonio dell’umanità UNESCO, e - come spiega una nota - il primo cittadino ha confermato l’adesione del Comune di Bologna nel corso di un colloquio telefonico con Lucia Borgonzoni, Sottosegretaria al ministero della Cultura.

La notizia ha subito fatto il giro della città, e tra i primi a intervenire sull'argomento Max Poggi, presidente di Cna Agroalimentare Bologna e noto chef bolognese, che alla Dire ha dichiarato: "Sfogline patrimonio Unesco? Si', purchè sia ribadito in primis che si tratta di un lavoro artigianale e questo aspetto di unicità va rimarcato, in quanto ogni sfoglina deve avere la libertà di fare la sfoglia a modo suo o seguendo la tradizione della sua famiglia"."È importante- prosegue Poggi- che resti memoria dei processi e delle ricette familiari identitarie di diversi territori. E su questo Cna ha già lavorato alla De.co. Bologna (Denominazione Comunale) e abbiamo in cantiere da un paio d'anni un progetto sulla valorizzazione della sfoglia stg (specialita' tradizionale garantita)".  Per Cna Agroalimentare Bologna, tutelare le sfogline significa dare la possibilità di "concretizzare azioni utili a tramandare il mestiere" e per farlo è importante "riprendere il percorso delle botteghe-scuola artigiane, snellendo i vari lacciuoli burocratici che ad oggi rappresentano un ostacolo". Al contempo però, a questo riconoscimento non deve "imbrigliare la creatività delle nostre artigiane e dei nostri artigiani (perchè abbiamo anche sfoglini uomini, non dimentichiamolo) e si tratta a tutti gli effetti di imprese con dipendenti che vanno sostenute con incentivi".

Così la Coldiretti Emilia Romagna: "Con l’emergenza Covid più di una famiglia su quattro (26%) è tornata a cimentarsi nella preparazione casalinga della pasta sotto la spinta del ritorno alla tradizione e del maggior tempo trascorso. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ divulgata in occasione del sostegno del Comune di Bologna al percorso di candidatura dell'arte delle sfogline a patrimonio dell'umanità Unesco. Il boom casalingo del fai da te che ha fatto volare i consumi di farina (+38%) e uova (+14,5%) secondo l’analisi Coldiretti su dati Ismea e se in passato però erano soprattutto i più anziani ad usare il matterello adesso – precisa la Coldiretti – la passione si sta diffondendo anche tra i più giovani e tra persone completamente a digiuno delle tecniche di preparazione. La candidatura Unesco – conclude la Coldiretti - è quindi il riconoscimento di una tradizione che resiste e si rafforza nel tempo spinta dalla prepotente successo della dieta mediterranea e della cucina italiana nel mondo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento