Tamponi rapidi, esito in giornata: "Sono arrivati, bene precisare che se positivi vanno confermati con un molecolare"

Nel laboratorio analisi che macina esami a raffica per capire tempi di attesa, modalità, differenza tra un test di screening e un esame molecolare. Poi le raccomandazioni dei dottori e un'anticipazione: in arrivo il test salivare, funziona come un chewing-gum

La dottoressa Giovanna Cenni

I tamponi rapidi antigenici sono diventati disponibili e l'esito lo si ha il giorno stesso in cui si esegue l'esame, che si effettua con la stessa modalità di quello nasofaringeo. Il test tuttavia, a differenza di quest’ultimo, non ricerca il genoma virale, ma la presenza di proteine virali, chiamate anche antigeni: "Il tampone rapido rientra nella classe dei test antigenici - spiega la dottoressa Giovanna Cenni del Laboratorio Analisi Caravelli di Bologna, che ha a disposizione il nuovo dispositivo da un paio di giorni - ed è bene precisare che si tratta di screening e quindi di esami condotti a tappeto che, se positivi, vanno confermati con un tampone molecolare". 

Regione avvia la distribuzione del primo milione di tamponi rapidi. Aeroporto, scuola, Cra, lavoro: ecco come saranno utilizzati

Se il tampone nasofaringeo per Covid-19 ha bisogno in media di 24/48 ore per dare un risultato, quello rapido arriva in circa un quarto d'ora e diventa dunque molto utile in contesti di grande passaggio quali la scuola e, per esempio, l'aeroporto. Il limite (lo abbiamo detto che necessita la conferma del molecolare) è che potrebbe dare esito erroneamente negativo (ma anche un falso positivo) e quindi non rilevare l'infezione nonostante questa sia presente.

Dottoressa, qual è la precisione del tampone rapido?

Intanto i criteri sui cui si valuta l'affidabilità sono due: sensibilità e specificità. La prima è la capacità del test di trovare la positività nel campione, mentre la seconda è la capacità riconoscerlo e non confonderlo per esempio con un altro virus. Nel primo caso siamo sul 96,52% e nel secondo la percentuale è del 99,6%. Il suo limite è dunque la carica virale". Caravelli  (7)-2

"Non smetterò mai di ribadire, visto che le persone spesso non rispettano questa indicazione e magari vanno anche a lavorare, che in attesa dell'esito del tampone o a seguito di un contatto diretto con un paziente positivo si resta a casa per i 10 giorni prestabiliti. Specifico che per contatto diretto si intende la vicinanza a un infetto durata almeno 15 minuti a una distanza inferiore ai due metri. Il test è sempre bene farlo trascorsi almeno 5 giorni dal momento del presunto contagio per alzarne il tasso di affidabilità".  

La differenza tra un test di screening e un esame molecolare

Anche la direttrice del laboratorio Caravelli, Vanessa Cerisano, sottolinea la differenza tra un test di screening e un esame molecolare: "L'affidabilità al 100% la dà solo il tampone vero e proprio, ma come detto, va eseguito solo nelle circostanze descritte e solo sotto prescrizione del medico. Probabilmente, a proposito invece di screening, verrà introdotto anche quello salivare, ancora più semplice. Una curiosità è legata alla provenienza del tampone rapido: arriva dalla Cina e oggi è cominciata anche una produzione in Italia". 

"La diagnosi medica e quindi il tampone, non la si fa per curiosità e la richiesta passa sempre per il medico di base o di fiducia. Il test deve essere limitato ai contatti stretti di un caso confermato. Per gli altri casi meglio puntare al sierologico" Dott.ssa Giovanna Cenni

Fra tutti i sintomi del Coronavirus, potremmo individuare quello che compare sempre? "E' la febbre a freddo ed è per questo che viene misurata sempre la temperatura. Spesso è il primo e anche unico sintomo - risponde Cenni -  Il Covid è un virus antipatico che uccide il 2% delle persone". 

Tempi di attesa per fare i test in laboratorio e degli esiti 

"Per il tampone molecolare, secondo i ritmi del laboratorio di analisi Caravelli, i tempi di prenotazione dell'esame oggi si aggirano sulla settimana di attesa e i risultati si hanno entro 4/5 giorni; per il testi sierologico gli esiti arrivano nel giro di uno o al massimo due giorni, mentre per quanto riguarda il tampone rapido, si sa tutto in giornata".

La dottoressa Giovanna Cenni fa il punto sulla cascata di richieste della seconda ondata: "In queste settimane le richieste sono moltissime e noi eseguiamo circa 80 test al giorno, ma non riusciamo a stare dietro alle telefonate, mentre giorno per giorno smaltiamo le email, che suggeriamo come contatto . 

In arrivo il test salivare antigenico che funziona come un chewing-gum

In attesa del vaccino anti-Covid, uno sguardo curioso va verso le tipologie di test, sempre più semplici e rapidi, di cui potremmo disporre nel futuro più vicino: fra questi in Italia si sta producendo anche quello salivare antigenico. Eseguirlo questo screening potrebbe essere come masticare un chewing-gum: niente di più semplice e indolore. Anche in questo caso, come per il tampone rapido, un risultato posotovo va confermato con un tampone molecolare. 

Caravelli  (8)-2

Ultimo bollettino Covid-19: i dati del 5 novembre

Seconda ondata: come sono messi gli ospedali cittadini

Strutture per anziani e rischio Coronavirus: l'appello di operatori e familiari

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento