Coronavirus, San Benedetto: al via il servizio gratuito di sostegno psicologico a distanza

Il sindaco: "In questo momento c’è bisogno di assistere i malati, ma anche bisogno di stare vicini a coloro che si trovano forzatamente a dovere stare in casa"

Per cercare di aiutare la cittadinanza a superare l'emergenza sanitaria legala alla diffusione del CoronavirusAcli, insieme alla Federazione Anziani e Pensionati Fap Acli, ha istituito un servizio gratuito di sostegno psicologico a distanza per parlare con le persone sole e affrontare le loro paure in questo momento difficile. Grazie alla collaborazione con il Comune di San Benedetto Val di Sambro il servizio, dopo essere stato avviato con successo nelle scorse settimane a Bologna, si espande verso l’Appenino.

"La situazione inedita che stiamo attraversando ci porta a vivere stati d’animo anche molto penosi, dovuti all’ansia, alla paura, all’isolamento forzato e alla mancanza di relazioni sociali ‘dal vivo’. Per questo abbiamo pensato ad un modo per stare vicini, anche da lontano, alle persone che si sentono in difficoltà a gestire queste emozioni",  spiega Filippo Diaco, presidente provinciale delle Acli di Bologna.

Il servizio

Tutti i cittadini e le cittadine del Comune, senza distinzione di età e condizione, che si sentano messi in difficoltà dalle circostanze e dalla solitudine, potranno contattare il numero 0510987719, attivo dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 18. A rispondere sarà un’operatrice a cui si potrà lasciare il proprio recapito per essere entro breve richiamati da una psicologa, specializzata proprio nella gestione di queste emozioni.

L’idea di portare a San Benedetto Val di Sambro il servizio è venuto al sindaco Alessandro Santoni, che in questi giorni si prodiga per tenere costantemente informati i propri concittadini sull’evolvere della situazione e per trovare soluzioni per quelli maggiormente in difficoltà. "In questo momento c’è bisogno di assistere i malati - spiega il primo cittadino - ma anche bisogno di stare vicini a coloro che si trovano forzatamente a dovere stare in casa: dunque per loro avere qualcuno di professionalmente preparato che, al bisogno, possa affrontare ogni argomento può essere molto importante. Ringrazio ovviamente le Acli di Bologna che, come sempre, sono pronte a rispondere ai bisogni del territorio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • 23 ottobre, sciopero nazionale treni e bus: cosa c'è da sapere

  • Gianluca Vacchi firma una cashback card: oltre ai benefit, c'è anche un progetto benefico

  • Trasporti bus e corriere Tper: sciopero il 23 ottobre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento