Monzuno: al via i lavori per la realizzazione della Casa della Salute di Vado

Conclusa la procedura di gara di affidamento dei lavori

Un rendering del progetto

"Si è conclusa la procedura di gara di affidamento dei lavori, si inizierà con la bonifica da ordigni bellici per poi procedere con la costruzione vera e propria, che dovrebbe essere pronta fra due anni".  Attraverso una nota l'Unione Comune dell'Appennino comunica che è terminata la procedura di gara per i lavori per la Casa della Salute di Vado di Monzuno.

La concessione della progettazione esecutiva è stata affidata al Consorzio Integra, che ha individuato come impresa esecutrice CIAB soc.coop., entrambe con sede in Bologna. L'impresa già nei prossimi giorni provvederà a recintare le aree di intervento e avviare le pratiche per la bonifica da ordigni bellici. I lavori inizieranno non appena sarà completata tale bonifica, che, salvo imprevisti, dovrebbe concludersi nell'arco di tre mesi; l'ultimazione della struttura è prevista all'incirca per il mese di marzo 2022.

"Si tratta di un’ottima notizia che conclude un percorso avviato molti anni fa - commenta il sindaco di Monzuno Bruno Pasquini - In un momento difficile come questo ci rendiamo conto di quanto fondamentale sia la presenza di strutture sanitarie efficienti e vicine ai cittadini. Fra due anni Vado avrà finalmente la sua nuova casa della salute, e per questo ringrazio l’impegno dell’AUSL".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

Torna su
BolognaToday è in caricamento