Power nap: cos'è e perché aiuta il nostro benessere

Una pratica nata e sviluppata negli Stati Uniti dove svariati alberghi affittano poltrone per permettere ai lavoratori di riposare prima di tornare al lavoro

Abituati a una società sempre di corsa, e al tempo a disposizione che è sempre meno, per il classico sonnellino pomeridiano la maggior parte delle persone deve attendere il giorno libero, o la domenica. Ma l'attenzione sul benessere della persona è sempre più alto, e dagli Stati Uniti infatti, arriva il power nap, letteralmente il “riposino che dà la carica”. 

In un’economia della conoscenza come quella in cui viviamo, infatti, sempre più persone si occupano di servizi e di informazioni, di sviluppare progetti e realizzare contenuti, e, dopo alcune ore di intensa concentrazione mentale, è sempre più comune avere un calo di energie, con il rischio di errori e stress ulteriori. E seguendo il motto per cui prevenire è meglio che curare, sempre più aziende si stanno organizzando con appositi spazi dedicati al power nap per i loro dipendenti.
Vediamo cos’è e che benefici apporta.

Che cos’è il power nap

Il power nap è un pisolino ristoratore, che va da 10 a un massimo di 30 minuti e che aiuta a risolvere i cali di energia e di concentrazione, nonché la diminuzione di produttività e di motivazione. 

La durata è molto importante: infatti, se superi i 30 minuti rischi di entrare a gamba tesa nella terza fase del sonno, il sonno profondo e senza sogni, per cui al risveglio l’effetto zombie che cammina è assicurato. Il power nap, quindi, non è un vero e proprio dormire, ma più un momento rilassante per lasciarsi andare e ricaricare le batterie.

Dormi bene e vivi meglio: tutti i consigli per un buon riposo

Perché è utile

In concreto il power nap ti aiuta perché:

  • aiuta il cervello a lavorare meglio, migliorando la capacità di risolvere i problemi e la produttività;
  • migliora la concentrazione e l’attenzione;
  • migliora la memoria, perfetto per chi studia;
  • migliora l’umore, diminuisce sensibilmente le sensazioni di stanchezza e fatica e riduce i livelli di stress, aiutando quindi anche il cuore, la pressione arteriosa e la gestione del peso.

Diffusione

Questa pratica applicata nell’ambito lavorativo, nata e sviluppata negli Stati Uniti: oggi, nella grande mela, svariati alberghi affittano poltrone per permettere ai lavoratori di riposare prima di tornare al lavoro e anche moltissime aziende, Google prima fra tutte, offrono la possibilità di dormire a lavoro.

Il power nap è sbarcato ormai da tempo anche in Europa: in Svizzera e in Gran Bretagna, infatti, alcune aziende mettono a disposizione sul posto di lavoro delle aree adibite al sonnellino dei dipendenti, chiamate sleeping pods.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento