rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
blog

Più facile vincere alla lotteria che trovare casa a Bologna!

Mancano severi controlli nei confronti di affittuari che non fanno contratti, a discapito di chi invece segue correttamente le regole

Con prezzi che oscillano dai 2.569 ai 4350 euro al m² in base alle zone, e affitti che sono arrivati anche 14,90 euro al m² (dati di Immobiliare.it di settembre) in tema di case Bologna è una delle città dove trovarne una è un vero e proprio terno a lotto. La scoperta dell'acqua calda esclamerebbe subito qualcuno, se non fosse che il problema, discusso e ridiscusso più e più volte da enti, istituzioni e politica, non sembra essere mai stato affrontato nel profondo. O meglio, solo una sua parte. Che la domanda superi l'offerta sotto le Torri è risaputo, un dato di fatto, e tralasciando il tema studentati per chi frequenta l'Alma Mater, chiunque debba trasferirsi a Bologna per lavoro, studio o qualsiasi altro motivo fatica a trovare una sistemazione.

Si parla di vere e proprie selezioni, o provini, per chi vorrebbe andare in affitto e poco margine di contrattazione per chi sogna di comprare e mettere su famiglia. Quindi? Più volte è capitata l'occasione di intervistare persone che hanno dovuto rinunciare a un trasferimento o a un lavoro perché costretti per settimane in alberghi o in b&b senza trovare un alloggio per lungo periodo: una situazione paradossale, eppure reale. Ma non è questo l'aspetto che vogliamo affrontare, almeno non oggi, perché tranne la parentesi 2020, anno dell'inizio della pandemia Covid.19 e in cui era possibile trovare qualsiasi cosa, la situazione non si è mai sbloccata.

Cosa fare? Oltre a inziare ad avere buon senso sarebbe opportuno partire con una serie di controlli a tappetto sui proprietari di seconde, terze e quarte case: verificare con agenti della municipale, ad esempio, se ci sono persone che le abitano e se hanno regolari contratti, o meno. Si, perché nel 2021 c'è ancora chi affitta in nero per evitare di pagare le tasse, potendo così cacciare l'inquilino in qualsiasi momento, anche se lì ha preso, ad esempio domicilio, e a volte anche la residenza. Ma come è possibile? E' possibile. Tante, troppe le testimonianze raccolte nel corso degli anni, e ben poco sembra essere veramente cambiato. Eppure la legge è chiara, ma mancano continui e serrati controlli e per recitenza, o per paura di perdere anche quel letto, c'è chi accetta di tutto.

Senza parlare del subaffitto, altra pratica di certo non poco diffusa nel territorio: pur di mantenere quell'alloggio, l'intestario del contratto (ma anchi chi ne è sprovvisto) che magari deve spostarsi per un tot periodo e non può pagare due abitazioni in contemporanea, 'cede' per un certo periodo la stanza o la casa, caricandone spesso il prezzo, riuscendo così anche a farci la classica 'cresta'. Una situazione che dura da troppi anni, e che poco si addice  a una città considerata patria della cultura e dei diritti.

Ma anche la politica deve fare la sua parte. E forse, nel 2021, è arrivato il momento di considerare la questione come un problema primario, e non secondario, per evitare spiacevoli situazioni, come quella vissuta da tre giovani (due studenti e un lavoratore) cacciati dal proprietario di casa nel giro di una settimana. Una storia assurda, che abbiamo verificato con tanto di documenti e denunce presentate alle autorità, in cui tre persone, di cui una sola con regolare contratto, si sono trovate lettaralmente in mezzo a una strada, costrette in un albergo con la speranza di trovare quanto prima una soluzione. Qualcuno si starà chiedendo : come è possibile che con un regolare contratto si possa cacciare qualcuno? Ebbene sì, è possibile, soprattutto quando i proprietari hanno a che fare con l'inesperienza di giovani studenti o persone straniere, convicendole, con metodi anche poco ortodossi, a firmare qualcosa per la recessione dall'accordo. 

Insomma, in città, in tema di case, spesso la realtà supera l'immaginazione. Purtroppo. Ed è proprio il caso di dirlo: tranne rari casi, è più facile vincere alla lotteria piuttosto che trovare casa a Bologna!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più facile vincere alla lotteria che trovare casa a Bologna!

BolognaToday è in caricamento