rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Blog

I 'contrariati' del PD a Bologna: "Ho perduto due elezioni, lei è un partito distratto"

A poco più di un mese dalle elezioni politiche un numero non ancora noto di dem si ritrova allo Chalet dei Giardini Margherita. Ma in questi anni dove eravate?

"Arrivare dopo la puzza o chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati", insomma il danno è fatto, ma addì 5 novembre 2022, a poco più di un mese dalle elezioni politiche, perse di brutto, un numero non ancora noto di contrariati del Partito Democratico si ritrova allo Chalet dei Giardini Margherita. "Se non a Bologna dove", avremmo potuto dire un tempo, molto tempo fa. Ma in questi anni dove eravate?

"Non sta più in mezzo alla 'ggente', lontano dai bisogni dei cittadini e dal paese reale, sinistra radical chic con la casa a Capalbio, salottieri, pallosi e ridondanti". Glielo dicono e se lo ripetono a ogni tornata elettorale, lanciandosi addosso mastelli di ... 

"Ma di che menzogne stai parlando? Tutto quello che ho detto è vero! E’ come sono, è quello in cui credo.." diceva Stefania. "Pure durante le vacanze lunghe che ti concedi…poi hai, per la precisione: un maggiordomo, un cameriere, un cuoco, un autista che accompagna i ragazzi a scuola, tre baby sitter… insomma, come e quando si manifesta il tuo sacrificio?", rispondeva Jep Gambardella sulla mega-terrazza romana de "La grande bellezza". 

Glielo dicono e se lo ripetono dal 1994, non che prima le cose fossero andate benissimo, da quando Silvio Berlusconi, prima inaugurò l'Euromercato col biscione sopra, a Casalecchio, presentandosi di persona personalmente, "se non a Bologna dove", appunto, e dopo poco vinse le elezioni. L'esperienza durò poco, per divergenze con quella che si chiamava Lega Nord, e che ora invece prende i voti al sud, e chiedetevi il perchè. Ma, insomma, Silvio ritentò e non gli nocque. 

Seguiranno girotondi, ceto medio riflessivo, patto Italia-Libia sui migranti, agorà, vocazione maggioritaria, 80 euro, lavoro flessibile, 25 aprile "vengo anch’io, no tu no", libri editi da Mondadori, ulivi, querce, sindaci destituiti dal notaio, e vittoria alle politiche risalenti agli ultimi anni del secondo millennio..... Ma anche una meno obsoleta alle europee. Fino alle Sardine, ehm... No quelle non sono del PD, ma si sono ritrovate in massa, sempre a Bologna, se non lì dove. 

Fino al 25 settembre 2022. 

Dunque allo Chalet dei Giardini Margherita si starebbero moltiplicando le adesioni anche da fuori regione. Cosa si diranno? Parleranno di dirigenza non all'altezza? Del lungo percorso che porta al congresso? Di far ripartire il partito? Di nomenklature? Di possibili (ennesimi) segretari? Ma no, assicurano, non sono lì per formare una corrente e, ideona, non ci saranno simboli. Di "autocritica", no vi prego, ne abbiamo avuta abbastanza, da D'Alema in poi, dal PDS, DS, PD e contro PD, risparmiatecela per carità. O sarà un autodafé, la lettura della sentenza con tanto di abiure o riappacificazioni?

La storia non tanto recente invece registra, ad aprile 2013, gli allora assessori Matteo Lepore, ora sindaco, e Luca Rizzo Nervo, che è stato nel frattempo deputato ed è ancora assessore, l'allora capogruppo Pd a Palazzo D'Accursio, Francesco Critelli, poi eletto deputato, tutti convintamente bersianiani, con la sola eccezione del consigliere Benedetto Zacchiroli, di area renziana, dopo la deludente prova alle politiche e con addosso il sospetto di tradimento per quei 101 nomi che avevano impedito la salita al Quirinale di Romano Prodi... Una premessa un tantino lunga per ricordare che  ...  organizzarono RESETPD, dove? IN BOLOGNINA, nel quartiere della 'ggente', quello popolare, là dove c'era la sede della "svolta" ora c'è... Un bingo o un market. 

E comunque Pierluigi Bersani si dimise da segretario, e in seguito non solo, Prodi andò a fare altro, e ogni tanto viene citato come unica persona senziente su piazza e tutte le volte che viene intervistato, serafico, paziente e cordialmente vi dice che dovete cambiare, mentre dovrebbe sguainare 101 mastini napoletani a digiuno. 

A settembre 2022, dopo il casino del covid, e due governi, durante la guerra, la siccità, le bollette super, il Pd non solo ha perso le elezioni, ma a vincerle è stato un partito di destra che ha messo a Palazzo Chigi la prima donna presidente del Consiglio, non-parvenu, di 45 anni, Berlusconi è ancora seduto in Parlamento a 86 e il pulsante del reset si è incagliato. Si attende il tecnico, ma si sa, non rispettano mai gli appuntamenti. Rosy Bindi infatti lo voleva gettare nel rusco: "Mi sa che stavolta costa più aggiustarlo che compralo nuovo".  

Nel frattempo, i sondaggi danno il Movimento 5 Stelle del 'brutto e cattivo' Giuseppe Conte sopra i dem, colui che si è macchiato di cotanta onta, di aver dato il via alla fine dell'esecutivo di Mario Draghi, arrivato per disperazione, del povero presidente Mattarella, anche lui richiamato, come Napolitano, benché avesse manifestato un chiaro "bona lè" si dice a Bologna, basta. Tutti che applaudivano quando, durante il discorso del giuramento bis ha detto in pratica "volevo stare per i fatti miei, ma.... " e noi malpensanti abbiamo capito "non siete stati in grado di ... " E via di battimano e trombette. Cornuti contenti... 

Allora la "ggente" si pone alcune domande, alle quali non arriveranno risposte, ma siamo pronti a ricrederci: 

- a cosa pensava il PD quando a Bologna, collegio ritenuto sicuro, è stato ri-proposto un nome divisivo come quello di Pierferdinando Casini? Ed è stato anche rieletto, hanno avuto ragione? Mhhh, sotto le torri forse ha funzionato ancora il tura-naso; 

- a cosa pensava il PD quando è stato eletto segretario Matteo Renzi, la risorsa rottamatrice che ha dato la spallata a Enrico Letta, scalzandolo, non senza permesso, fisicamente da Palazzo Chigi, dopo "Enricostaisereno", salvo poi silurare il Conte 2 perchè inadeguato, ma era dentro l'alleanza, fondare il suo partito facendo scendere dall'alto con marce trionfali il simbolo del detergente neutro e allearsi contro alle ultime elezioni, con un altro che aveva detto che prima voleva allearsi con il PD, poi ci ha ripensato, così si mettono insieme contro il PD del quale uno stato segretario, con il quale è diventato presidente del Consiglio,  e l'altro è stato viceministro nel governo Letta e Renzi e è stato iscritto al Partito Democratico?  Viene il fiatone, ma qualcosa sarà pure sfuggito. 

- poi si è andati al ripescaggio di Letta, tapino, a cosa pensava il PD quando l'ennesimo segretario, Nicola Zingaretti, si è dimesso scrivendo nero su bianco "Mi vergogno del mio partito"?

- passando al locale, a cosa pensava il PD quando per ben due volte il candidato sindaco è andato al ballottaggio con due leghisti? Uno ha cambiato vita, l'altra è stata riconfermata sottosegretaria. 

- a cosa pensava il PD, quando è apparso chiaro che il Movimento 5 Stelle l'avrebbe incenerito? Nel 2007, il primo VaffaDay grillino si tenne in Piazza Maggiore, così per "sbloccare" un ricordo, come si dice. "Se non a Bologna, dove"... 

"Lo sa che ho perduto lei elezioni, Pd lei è un partito piuttosto distratto" parafrasando Fabrizio De André. 

Ora, tutti i vaticini di questo mese ci sono bastati, ma i passaggi tornano alla memoria, così, all'improvviso, quando viene chiesto "il voto utile per non consegnare l’Italia alle destre" quando una legge di impopolare "ce la chiede l'Europa", e quando per le riforme "progressiste" si "ascolta" il paese, quando non si rispetta "il mandato degli elettori", quando ci appaiono dinamiche di così semplice comprensione che, o non sono state fatte per insipienza, o per chiara volontà politica, delle due l'una. E comunque ha fatto anche cose buone. 

Se poi quello di sabato è un ritrovo di allegri/e giovanotti/e... Lo scopriremo vivendo. Noi ci saremo e riporteremo quello che abbiamo ascoltato.  

"Ecco. Lei è abbastanza perspicace e l'ha capito da solo; la situazione era un po' più complessa. Ma questo non vale solo per la sua storia: vale anche per la mia", rispose Andreotti a Scalfari ne "Il divo". 

Ah, allo Chalet dei Giardini Margherita, ci chiarite anche cosa intendete per "progressista?" Grazie di cuore, Dio ve ne renderà merito, forse.

Bologna vota in direzione contraria. Cosa si attendono i cittadini dal nuovo Governo? | VIDEO VOX

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I 'contrariati' del PD a Bologna: "Ho perduto due elezioni, lei è un partito distratto"

BolognaToday è in caricamento