Salto temporale negli anni ‘60 con Volare, un locale che ricorda i vecchi bar di quartiere e dove tutto è studiato per ricreare questa atmosfera cinematografica. Volare accoglie gli ospiti con un jukebox che suona musica di vecchie glorie italiane e i prezzi sono appesi al muro con una di quelle lavagne magnetiche. C’è un vecchio telefono a fili, gli oggetti e arredi di modernariato e soprattutto dietro al bancone troverete i tre proprietari, Fabio Tiberio, Giuseppe Montanaro e Giuseppe Doria che vi guideranno nella scelta del cocktail più adatto. Il tocco retrò è anche e soprattutto nella linea di prodotti da usare in miscelazione, prodotti di cui si è un po’ persa la memoria o l’uso come il Brandy o il Biancosarti. Provate anche le loro alternative al classico spritz come Amaro Ramazzotti e gassosa o crodino e vermouth, o i diversi drink al rosolio. Prezzo intorno ai 10€.

PH Carolina Negroni
Apri su Maps 0510185193 @berberepizzeria

Aperta a marzo 2022 in piazza di Porta Saragozza, è ben la quindicesima sede del nutrito gruppo di pizzerie di Matteo e Salvatore Aloe. Vale la pena ricordare che i fratelli sono partiti proprio da Bologna, 13 anni fa, e sono riusciti a combinare numeri da grande catena e indiscutibili standard di qualità. Agli interni ampi risistemati dall’architetto Giambattista Ghersi (e con ottime selezioni musicali, segnaliamo) risponde l’altrettanto ampio dehors, con tavolini e sedie tutti rossi e tanti fili di luci che rendono la serata qui piuttosto suggestiva. Si sta bene e si spende il giusto: dai 6,50€ della marinara ai 13€ della crudo e burrata, disponibili a cena anche con una scelta di impasti speciali. Un dettaglio stuzzicante? Le salse da ordinare a parte per intingere eventuali avanzi di cornicione. 

Tavolini all'aperto di Berberè

Poco prima di arrivare in Piazza Santo Stefano troverete una porta che ricorda quella di un’abitazione privata. Se non fosse per il dehors esterno, infatti, Casa Minghetti potrebbe essere scambiata con uno di quegli eleganti condomini di un tempo. La sala interna è un salotto d’epoca con le pareti affrescate, i toni caldi e accoglienti del legno, gli specchi a circondare la stanza, e il bancone che inserisce un po’ di modernità senza mai stravolgere il contesto. La drink list sempre in aggiornamento segue la stagionalità e verte molto sulla miscelazione Anni ‘30: scoth, barboun, cognac, liquori come lo Strega e prodotti considerati fuori moda, per cocktail avvolgenti e molto raffinati. Prezzo 10€. Qui è possibili fermarsi durante tutto l’arco della giornata per colazione, pranzo e anche cena provando i piatti della piccola cucina tra tradizione e classici italiani.

Uno speakesy con vista sul canale delle Moline che nasce dall’unione dalla passione per il bere bene di quattro amici: Rocco Racamato, Antonello Marino, Michele Poerio e Ghassen Abid. Si suona un campanello segreto e si accede tramite una porta che conduce verso un piano sotterraneo, dove si respira a pieno l’atmosfera degli anni 20. Un locale piccolissimo dove si possono anche mangiare panini, hamburger e taglieri con prodotti del territorio emiliano e quello di origine dei proprietari ovvero Basilicata e Calabria. Le vie dei briganti è conosciuto anche per i molti eventi di musica live e gli incontri che si svolgono qui con regolarità. Prezzi contenuti: i cocktail dai 7 ai 9€, mentre per mangiare qualcosa non si superano i 16€.


Mobili d’antiquariato, pareti che ricordano il passato, atmosfera retrò senza mai scadere nel posticcio: Ruggine si trova in un vicolo di Bologna dietro Piazza Santo Stefano ed è uno dei primi locali ad avere iniziato questo nuovo rinascimento bolognese in fatto di mixology. Al comando quatro vèz (ragazzo in bolognese) che ormai si sono fatti conoscere un po’ in tutta Italia: Davo, Don, Jack e Ricky da sempre amici e amanti del buon bere. Ruggine è un cocktail bar con bistrot dove fermarsi sia a pranzo che in serata per gustare una cucina tradizionale (primi sugli 8€, secondi 10/12 €, sandwich e taglieri 8/10€) e buttar già uno dei loro signature (prezzo 8/10€). Come la Vecchia e il Mare omaggio alla Romagna con Vecchia Romagna, select, shrub al basilico e fragola hm, acqua maris, succo di limone.

Pop, colorati, divertenti e con lo spirito di squadra, i ragazzi di Velluto sono tanto conosciuti in città come nel resto d’Italia. Complice il lavoro certosino del suo proprietario nonché bartender Enrico Scarzella, acclamato e fresco di premiazione come Best Barman in Italia 2023 per Identità Golose. Dal mattino fino al dopo cena Velluto offre una proposta che è attenta al no waste e alla tracciabilità dei propri ingredienti, che provengono quasi tutti dai mercati comunali della città. Melega e Natura Sì per frutta e verdura, Agnoletto e Bignami per le carni e pollami, Brunelli per pesce e crostacei, sono solo alcuni dei produttori da cui Velluto si rifornisce per calibrare il suo menu dal pranzo alla cena (prezzo medio 12€). Aperti anche a colazione dove è possibile conoscere la loro selezione di specialty coffee con varie estrazioni accompagnate da proposte dolci e salate (croissant dagli 1,80 ai 3,50€, trecce salate e calzoni 3,50€, toast da a 5€). E ovviamente i cocktail con un prezzo che varia dai 10 ai 16€ per i signature drink concepiti dalla casa.


Apri su Maps 05142185 @iporticihotel

L’hotel I Portici è frequentato non solo da chi cerca un soggiorno elegante ma anche da chi ama mangiare bene. Oltre al ristorante fine dining con una stella Michelin condotto dallo chef Nicola Annunziata ci sono un’osteria, una bottega per la pasta fresca e una pizzeria verace. È in particolare quest’ultima a godere dello spazio all’aperto sulla terrazza Liberty della struttura, affacciata proprio sul parco della Montagnola e con vista su via Indipendenza. Qui la tonda è quella napoletana dal cornicione ben pronunciato, proposta nelle sue varianti più classiche (il menu è stringato e comprende in media 8 proposte). Per una pizza e un calice di vino lo scontrino è di circa 20€.

La terrazza del Ristorante I Portici

Nella piazza salotto di Bologna, Camera con vista nasce all’interno dello storico Palazzo Isolani prima come negozio di antiquariato poi come locale, sempre mantenendo lo stesso stile coloniale che ricorda le ville aristocratiche di un tempo. Dietro questa storia troviamo Matteo Bonetti e Rebecca Cavallari, lui antiquario e lei arredatrice, che hanno poi deciso nel tempo di trasformare la loro passione con questo percorso laterale. Hanno così reinterpretato lo spazio rendendolo il locale che è oggi: una zona bar ispirata a una antica farmacia dell’800, con marmi di Carrara e legni antichi, dove trovare il bartender Davide De Rose che propone una cocktail list ispirata al proibizionismo. Tra classici e signature (dagli 8 ai 13€) e una ampia scelta di gin tonic (13€). C’è anche una selezione di tapas (dai 7 ai 12€) e il pomeriggio Camera con vista si trasforma in una piacevole sala da tè con infusi e miscele (5€).

PH Carolina Negroni

Vicino al Mercato delle Erbe ormai punto di riferimento per la vita notturna della città, Pastis è un piccolo locale dall’aria rilassata che unisce cucina e cockteleria. Gli snack cambiano di volta in volta e sono divisi tra fritti (tra i 5 i 7€), focacce (tra i 4 e i 6€), burger (tra i 9 e i 12€) e i mitici arrosticini di pecora (porzione da 8, 12€). I la lista cocktail vanta poche referenze tra classici e signature con punte di creatività: come il Chica Mala con limone, liquore all’arancia, tequila, sciroppo al caramello salato, pop corn e zucchero filato. Prezzi tra gli 8 e 10€.

PH Carolina Negroni
Apri su Maps 3738438500 @playzoo

Un locale dinamico dal piglio contemporaneo, Zoo si trova in Strada Maggiore e racchiude anime diverse. Un po’ libreria e un po’ caffetteria; un po’ galleria di illustrazioni e un po’ bakery: in ogni caso un posto accogliente, dove fa piacere passare del tempo. Le possibilità salate per colazione accontentano tutti. In carta c’è infatti l’English Breakfast con uova al padellino, erbette, fagioli in umido e funghi e il bagel vegano con farinata di ceci e maionese di soia; inoltre kimchi toast con formaggio grigliato e maionese alla senape, French Toast con uova fritte e crema di Parmigiano e infine avocado toast con pane da pasta madre fatto in casa e hummus speziato.


Zoo

L’amore per il Messico e i suoi distillati è alla base di questo locale nel centro di Bologna. Infatti già dal nome, Guero, che ricorda l’appellativo con cui i messicani indicano chi ha la pelle chiara, si manifesta la passione dei due proprietari Alberto Andriolli e Daniele Rumori. Un Mexican bar con una bottigliera importante con oltre 200 etichette che fanno il giro del sud America e del mondo, e una cocktail list che da grande importanza all’agave e al rum. Come il signature Calexico con lime, mango, nettare d’agave, Bitter creole, Mezcal Alipus San Baltazar e Tequila El Jimador Blanco (10€); oppure il Calm-Down con limone, sciroppo di camomilla, Boston Bittahs, Rum Bacardi Carta Blanca e Champagne (10€). Non manca il gin e la vodka e i grandi classici dell’aperitivo italiano. Da Guero si viene anche per mangiare tacos (4€), burritos (9€) e sandwich d’ispirazione messicana (10€).


Nel centro storico di Bologna, I Conoscenti prende il nome dall’omonimo palazzo del ‘300 in cui si trova. Un progetto che ha più sfaccettature e che prende vita grazie all’impegno di Jerry Frascali e Bianca Cifarelli, amici ritrovati per dar vita a questo american bar/ristorante al piano terra e bed & breakfast di lusso al piano superiore. I cocktail de I Conoscenti sono curati da Mattia Tubita che si concede licenze di stile sui grandi classici, arricchendoli di texture e profumi che fanno il giro del mondo. Come il Camomillo Benso: viaggio olfattivo nei vicoli di Mumbay con arancia, mandarino, uniti alla camomilla e alla potenza del pimiento, del miele aromatizzato al cumino e del rum. Media prezzo dei cocktail sugli 11€. In cucina Salvatore Amato, allievo di Enrico Bartolini, propone un menu che dialoga con il bancone del bar.


Apri su Maps 051271958

Se di notte improvvisamente vien voglia di pizza a Bologna si va da Pizzeria Due Torri, proprio a due passi dal più celebre monumento della città da cui prende il nome. Un posto semplice e alla mano, un solo bancone vetrina dove vengono sfornate pizze farcite fino a mezzanotte in settimana, mentre nel weekend si va avanti fino alle 2. Un’istituzione bolognese meta di studenti, affamati lavoratori della notte e chiunque voglia andare sul sicuro prima di andare a dormire.

Pizzeria Due Torri
Apri su Maps 0514589956 @emporio1920

Un tuffo nel passato anche per Emporio 1920, alle spalle di Piazza Maggiore. Si viaggia direttamente nell’era del proibizionismo con il suo allure swing e retrò appena varcata la soglia di questo cocktail bar in via de’ Poeti nel cuore di Bologna. Quasi uno speakeasy dove farsi guidare attraverso fermentazioni, estratti, ingredienti di stagione per cocktail che si ispirano al passato ma con tocco contemporaneo. Chiedete un cocktail Martini che verrà cucito sulle vostre preferenze. Da Emporio 1920 si può anche accompagnare la bevuta con alcuni piatti: dalla classica tagliatella al ragù bolognese (12€) alle tartare di bianca modenese, uova di quaglia, puntarelle, acciughine, limone e chips di patate (16€).