Cronaca San Pietro in Casale

16enne palpeggiata alla fermata del bus, lui era già ai domiciliari

Questa volta l'uomo, già confinato nel proprio domicilio per fatti analoghi, questa volta è stato condotto direttamente in carcere

Doveva rientrare velocemente a casa, ma si è reso responsabile di un palpeggiamento, ai danni di una 16enne alla fermata bus della stazione ferroviaria di San Pietro in Casale. E' finito direttamente in carcere un 57enne della zona per violenza sessuale e per violanzione degli arresti domiciliari.

I carabinieri della locale stazione sono stati chiamati da un poliziotto fuori servizio, che era presente sul bus in questione, diretto verso Cento. A bordo il 57enne stesso continuava a importunare la ragazza in questione, la quale ha poi raccontato dell'episodio incriminato, avvenuto mentre aspettava con una amica il trasporto pubblico alla fermata.

All’arrivo dei militari, il 57enne, gravato da precedenti di polizia per violenza sessuale, rapina e lesioni personali, è stato arrestato. I carabinieri hanno rilevato che al momento dei fatti, l'uomo, cittadino italiano, già sottoposto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico come conseguenza dei reati commessi in precedenza, doveva trovarsi a casa perché era stato autorizzato dall’Autorità Giudiziaria ad allontanarsi dall’abitazione di primo mattino per andare a prendere un referto medico a Bologna e rientrare subito. Di qui l'accompagnamento in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

16enne palpeggiata alla fermata del bus, lui era già ai domiciliari

BolognaToday è in caricamento