Cronaca

Oggi è il 25 Aprile, la Festa della Liberazione: "Bologna abbraccia così i suoi partigiani"

INTERVISTA La presidente dell'Anpi di Bologna Anna Cocchi: "Il secondo anno senza incontrarsi di persona. Manca la piazza, ma abbiamo trovato il modo per celebrare un giorno che dura tutto l'anno"

Oggi è il 25 aprile. In questa giornata, che per il secondo anno a causa della pandemia deve rinunciare alla piazza, si celebra l'anniversario della Liberazione d'Italia dall'occupazione nazista e dal regime fascista: "Eppure Bologna riuscirà ad abbracciare i suoi partigiani attraverso un viaggio che tocca tutte le 12 porte della città guardando negli occhi altrettanti eroi della nostra storia, ma anche con tanti incontri che toccano i nostri comuni uno per uno" ha spiegato Anna Cocchi, presidente dell'Anpi di Bologna (l'Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, costituitasi a Roma nel 1944, quando ancora il Nord Italia era sotto l’occupazione nazifascista, dai volontari che avevano partecipato alla guerra partigiana nelle regioni del centro). 

L'installazione alle porte della città: chi sono le persone ritratte da Antonella Cinelli 

Che cos'è il 25 aprile? "Questa giornata non è una ricorrenza retorica, ma un momento importante per tutti noi che arriva prime e dopo un lavoro continuo. Per il secondo anno consecutivo, a causa dell'emergenza sanitaria, le celebrazioni dovranno rinunciare alla presenza fisica, ma ci incontreremo ugualmente. I valori che trasmettiamo arrivano. E lo dimostrano anche i nostri tesseramenti, che lo scorso anno hanno contato oltre 850 nuove adesioni oltre a quelle già in essere. Un grande e bel segnale che speriamo possa ripetersi anche quest'anno. Siamo un'associazione viva". 

L'arte e la cultura, per trasmettere la storia. I millennials, i social, il mondo digitale: è più facile o più difficile oggi raccontare e tramandare la storia ai giovanissimi? "Tutti strumenti e mezzi di comunicazione che io reputo utili allo scopo e che dobbiamo utilizzare come abbiamo fatto per esempio con il video I partigiani e Bologna, un abbraccio resistente nel quale abbiamo potuto unire le immagini del viaggio lungo i viali e le porte alle voci del Coro R'esistente dei bambini del Pratello. Con i giovani adulti è più dura, ma ci sono dei progetti di formazione importanti, che vengono portati in alcune scuole grazie alla sensibilità degli istituti o di alcuni insegnanti. Un passo avanti lo ha fatto il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi con la settimana dell’educazione civica e la via sacra della Repubblica: 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno”.

25 aprile 2021: tutti gli eventi nei comuni della Città Metropolitana

Musei di Bologna: i percorsi legati alla Liberazione 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oggi è il 25 Aprile, la Festa della Liberazione: "Bologna abbraccia così i suoi partigiani"

BolognaToday è in caricamento