rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca

Checkpoint, Lega: 'Incredibile che le Istituzioni avallino progetti vergognosi come questo"

Così il Carroccio attacca il tipo di comunicazione anti-hiv fatta attraverso il sito web chiamato in causa, sul quale compaiono i loghi di Regione e Comune di Bologna

Un sito zeppo di "immagini oscene, con festini a base di droga e sesso sfrenato di omosessuali". Così, in Assemblea legislativa,  la Lega Nord sul sito web Blq Checkpoint, spiegando "che è gestito da un’associazione convenzionata con la Regione" e chiedendo "spiegazioni urgenti" al Governatore Stefano Bonaccini.
A domandarle sono in particolare ed il capogruppo comunale Ln, Francesca Scarano, per i quali "è incredibile che possano essere investite risorse in questo modo e che le Istituzioni ci mettano la faccia avvallando progetti vergognosi come questo".

Checkpoint punta ad informare sul test per l’HIV e altre infezioni a trasmissione sessuale. "Nasce dall’esigenza di portare i test - si legge sul sito di Blq Checkpoint  - per la salute sessuale al di fuori dell’ambito ospedaliero, rendendoli più accessibili. Inoltre, gli utenti possono ricevere supporto e informazioni da persone come loro, mediante un approccio alla pari”.
Ma per la lega "fare buona informazione  vuol dire portare avanti in modo serio e scientifico solo la prevenzione"  e - aggiunge Scarano - "non accettiamo, patrociniamo o finanziamo progetti strutturati in questo modo equivoco e volgare". Il Carrocico fa sapere che "sta valutando le prossime iniziative, per venire a capo della vicenda, capire le forme di finanziamento del sito e il ruolo di Comune e Regione.". Sul sito web finito nel rimirno, infatti compaiono i oghi sia del Comune che della Regione, che vengono ringaziati online 'per il supporto'.

loghi-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Checkpoint, Lega: 'Incredibile che le Istituzioni avallino progetti vergognosi come questo"

BolognaToday è in caricamento