Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

In Emilia Romagna una delle vittime più giovani del Covid, la 21enne viveva a Luzzara , in provincia di Reggio Emilia

Martina, foto Fb

Il coronavirus continua ad avanzare (anche) in Emilia Romagna e continua a uccidere. Età media delle vittime di questa seconda ondata è di oltre gli 80 anni, evidenza che le persone anziane e i soggetti con patologie pregresse permangono la fascia più svantaggiata nella lotta al virus. Ma non solo. Come dimostra il bollettino di monitoraggio dell'epidemia in Regione, stilato ieri: tra i 53 decessi registrati anche quello di una giovane di 21 anni, residente a Luzzara , in provincia di Reggio Emilia.

Lei si chiamava Martina Bonaretti, ed è una delle vittime italiane più giovani della pandemia. A darne notizia l'ex sindaco della cittadina reggiana, Andrea Costa. 

Da quanto si apprende, giovedì scorso Martina era stata condotta in ospedale in ospedale a Guastalla, con sintomi riconducibili al Covid-19. Le condizioni della ragazza sono peggiorate nei giorni successivi e martedì scorso è venuta a mancare lasciando nel lutto i familiari, gli amici e l'intero paese nel quale viveva.

 "Quasi sempre evito di parlare di chi ci lascia, soprattutto se appartiene alla famiglia della nostra comunità locale - ha scritto su Facebook il primo cittadino di Luzzara - ma questa volta non posso evitarlo. Perché stasera si è spenta una straordinaria ragazza, che aveva solamente 21 anni e che è stata aggredita dal Covid. Martina Bonaretti la conoscevo da quando è nata, come conosco tutta la sua splendida famiglia".

Quindi, prosegue il primo cittadino:

"So che da mesi, purtroppo,sentiamo parlare di decessi, e già altre famiglie hanno dovuto piangere i loro cari. Ma questa sera è diverso. Questa sera fa più effetto perché la malattia ha spezzato una vita che stava ancora germogliando. Usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia, e quella leggerezza invece mettiamola nei rapporti tra le persone che spesso si deteriorano per delle stupidaggini. Usiamo di più il cuore, come sapeva fare Martina - conclude il sindaco - come le avevano insegnato a fare nella sua generosa famiglia a cui va il mio abbraccio più forte".

martina bonaretti luzzara-2

Ultime news coronavirus nel nostro territorio, potrebbe interessarti anche:

Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

L'assessore Donini fa il punto: "Morti tanti anziani, il virus guadagna ancora" 

In tempo di Covid il teatro è a domicilio: lo spettacolo arriva a casa con un attore-rider | VIDEO 

Sfida alla crisi e solidarietà: "Investiamo nei nostri hotel per il post-Covid e regaliamo letti" 

Primavera con il Covid, Merola rispolvera l'idea: "Modificare orari città" 

Covid-19: l'ultimo bollettino 

Coronavirus, focolaio nella struttura per disabili Casa Rodari: "Positivi 18 utenti su 19 e 17 operatori" 

Lo chef rossoblù Ivo Gandolfi portato via dal Covid: insieme a Beppe Signori aveva aperto "Al Campione" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento