Via ai T-Days: già pronti a replicare? Ecco come la pensano cittadini e negozianti

Dubbi sulla replica a Natale: vuole andarci piano Giancarlo Tonelli, Direttore Ascom, mentre sono entusiasti molti cittadini e negozianti eco-friendly. Altre zone: "E noi chi siamo?"

All’alba del primo week-end T-Days, l’esperimento di pedonalizzazione della “T” (via Indipendenza, Via Ugo Bassi e via Rizzoli) con eventi collaterali e iniziative di vario tipo, c’è chi ancora non ha capito di che si tratta, chi è favorevole a priori, chi è contrario a priori. BolognaToday ha intervistato il Direttore Ascom Giancarlo Tonelli, negozianti e cittadini. Nel frattempo alcuni negozianti di altre vie (Strada Maggiore e San Vitale) esprimono la volontà di rientrare nella pedonalizzazione.

T-DAYS A NATALE. Lo stop al traffico e la valorizzazione del centro storico per questi due giorni mette d’accordo assessori e associazioni di categoria, ma quando Colombo qualche giorno fa aveva azzardato l’ipotesi della replica Natalizia sono arrivate le “frenate” di Ascom e Confesercenti.

TONELLI, ASCOM. Giancarlo Tonelli, Direttore Generale Confcommercio Ascom Bologna, sulla possibilità che i T-Days vengano replicati, magari sotto Natale, precisa: "Non ci piacciono le fughe in avanti ed è prematuro da parte dell'Amministrazione Comunale lanciare progetti ed ipotesi di pedonalizzazione prima di avere avuto un confronto con le organizzazioni di settore e con la città.Le pedonalizzazioni sono una cosa molto seria perchè bisogna tenere conto di tante esigenze di imprese e cittadini. Ed è chiaro a tutti che senza parcheggi non si può pedonalizzare un'ampia area del centro storico".

PEDONALIZZAZIONE SI. Dante De Paz, titolare del negozio di abbigliamento di produzione britannica “Paz” di via Ugo Bassi: “Sulla carta il progetto T-Days sembra molto interessante. L’assenza del rumore è un lusso e se si riuscisse a convogliare il traffico senza congestionare altre zone avremmo raggiunto obiettivi di grande civiltà. Questo negozio è aperto da 80 anni (di imprese familiari così ne sono rimaste ben poche!) e la pedonalizzazione della zona sarebbe un sogno, anche se non è cosa semplice. Auguro ogni successo al giovane assessore Colombo - conclude Dante De Paz – e che possa fare un buon lavoro con Bologna”.
Anche A.O, commessa in via Rizzoli, si definisce favorevole al progetto, Natale compreso: “Ottima iniziativa sia per i cittadini che per noi commercianti visto che finalmente ci farebbe respirare un’aria meno inquinata, anche se solo per poco tempo. Anche il rumore assordante del traffico ci darebbe tregua e si potrebbe lavorare con più serenità con pause pranzo da consumare in strada, passeggiando tranquillamente. L'atmosfera natalizia poi, sarebbe tutt'altra cosa!”.

PEDONALIZZAZIONE NO. Di tutt’altra idea un commerciante di Via Indipendenza che preferisce restare anonimo, ma che forse non è stato bene informato sul progetto T-Days, e confonde con una proposta di stop permanente: “Se chiudono il centro di Bologna, Bologna muore. Ci avevano provato 20 anni fa a chiudere via Indipendenza e mi ritrovavo i ragazzini giocare a calcio davanti al mio negozio: i politici fanno politica e non comprendono le ragioni del commercio. Se ci fosse la metropolitana sarebbe tutta un’altra cosa”. Contrario anche agli eventi collaterali: “Se fanno musica davanti al mio negozio, io sono costretto a chiudere la porta perché se non non sento la voce dei clienti”.

PAROLA AI CITTADINI. I Bolognesi residenti nella “T” intervistati da BolognaToday apprezzano molto l’iniziativa e si augurano che possa essere replicata anche in altri periodi. “Poter passeggiare con i bambini – commenta L.D, residente in via Ugo Bassi – sotto casa senza il timore del traffico e delle auto che spesso sfrecciano ai semafori renderebbe questa fetta di centro più piacevole e saremmo disposti a rinunciare a qualche comodità pur di godere di un privilegio come questo, che resterà comunque temporaneo e legato a giorni festivi o prefestivi”. Anche il piccolo Pietro, 9 anni, la trova una buona idea: “Magari fosse così tutti i giorni! Potrei andare a scuola in skateboard!”

PIU’ STRADE CHIUSE AL TRAFFICO. Nel frattempo si è allargato ancora il perimetro 'T Days' e per la pedonalizzazione prevista per domani e domenica nel cuore del centro storico aumentano le strade chiuse al traffico, con l'aggiunta di via Altabella, Fossalta, Caduti di Cefalonia, Sant'Alò e Albari, oltre a tratti di Marsala e Oberdan. Tra le novità, anche la presenza dei volontari di Legambiente, sabato, per la manifestazione “La strada del jazz”, che garantiranno la pulizia dei luoghi. Domenica l'associazione dalle 9.30 sarà poi in Piazza XX Settembre e al Cassero di Porta Galleria “Puliamo il Mondo”, per ripulire l'area della Piazza, per proseguire con il parco della Montagnola. Nel week-end la T (le vie Ugo Bassi, Rizzoli, Indipendenza) ospiterà prove di Nordic Walking e di misurazione di velocità. Dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 18.30, sarà inoltre possibile visitare la terrazza panoramica e il cantiere di restauro di San Petronio. Lo stop al traffico inizia alle 9 di sabato e terminerà alle 22 di domenica 18 settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

Torna su
BolognaToday è in caricamento