Compra vodka in negozio, 14enne sfiora il coma etilico: esercenti denunciati

Due i minori che sono stati male: titolari e commesso finiscono nei guai. Sindaco Lelli: "È importante che le autorità e attività vigilino"

Volevano passare un pomeriggio diverso, e forse per sconfiggere la noia, sono entrati in un negozio di alimentari lungo la via Emilia a Ozzano, comprando una bottiglia di vodka. Peccato però, che fossero due minorenni, di soli 14 anni, finiti in ospedale dopo essersi scolati l’intera bottiglia: uno è finito al pronto soccorso con un tasso alcolemico pari a 2.11, sfiorando il coma etilico, mentre l’amica se l’è cavata con un brutto mal di stomaco.

Così sono scattati i controlli da parte delle autorità competenti, terminate in un negozio gestito da persone di nazionalità bengalese, ora tutte denunciate per vendita di alcool a minori.

La notizia di quanto accaduto a Ozzano circolava da qualche giorno, e la conferma è arrivata dal sindaco Luca Lelli: “Sono stato informato che dei ragazzi sono stati male dopo aver bevuto vodka comprata in un negozio della città - ha spiegato - e che le famiglie si sono poi rivolte ai carabinieri per capire come i minorenni abbiano potuto comprare dell’alcol. A seguito di indagini, i militari hanno denunciato i titolari e il commesso dell’attività commerciale per vendita di alcol a minori di 16 anni . È importante che le autorità e attività vigilino, affinché non si ripetano altre situazioni simili. Ci vuole collaborazione, come accaduto in questo caso, dove le famiglie si sono rivolte alle forze dell’ordine per approfondire la vicenda. Già altre volte era circolata voce di episodi simili , ma non era stata mai presentata denuncia dai genitori, e non è stato possibile appurarlo. Ritengo, invece ,che sia necessario segnalare, affinché vengano presi i giusti provvedimenti ”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da quanto si apprende, in  questo caso, i carabinieri avrebbero condotto una serie di indagini dopo aver raccolto gli elementi forniti dai genitori dei due ragazzi che si sono sentiti male, rintracciando in poco tempo chi aveva venduto la bottiglia di vodka. Immediata la denuncia per violazione delle leggi in materia di vendita di alcol a minori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 26 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus, bollettino: 10.054 casi positivi (+800) in Regione. Altri 17 morti in provincia di Bologna

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 29 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 30 marzo: contagi +412, 95 morti

  • Coronavirus: autocertificazione, ecco il nuovo modello. Scaricalo qui

  • Cornavirus Emilia-Romagna, bollettino 27 marzo: contagi +772, altri 93 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento