Sventato traffico illegale di animali: sequestrati 80 cuccioli in due giorni

La Polstrada di Altedo ha fermato un camioncino, guidato da un 42enne romano. All'interno di gabbie 30 cuccioli di cane di diverse razze provenienti dall'Ungheria

Prima, il sequestro dei 51 cuccioli Sulla A1, avvenuto sabato 20 dicembre, ieri altri 30 cuccioli di cane sono stati intercettati sulla A13 Bologna-Padova. E' intervenuta una pattuglia della Polstrada di Altedo che poco dopo le 12, vicino Rovigo, ha fermato un camioncino, guidato da un 42enne romano.

All'interno di gabbie 30 cuccioli di cane di diverse razze provenienti dall'Ungheria. Il veicolo risultava era entrato in autostrada a Palmanova, provincia di Udine, ma ancora non è stato reso noto il luogo di destinazione. Il 42enne è stato denunciato per introduzione illegale di animali nel territorio nazionale

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CUCCIOLI. E' intervenuto anche un veterinario della Asl Bologna: dai primi accertamenti, i cani potrebbero non avere l'età minima per poter essere commercializzati in Italia. Dopo il sequestro, sono stati affidati alla struttura EITAL - Enita Italiano Tutela Animali e Lupo - in provincia di Bologna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Le vie di Bologna dai nomi più strani e il loro significato, che non tutti conoscono!

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

Torna su
BolognaToday è in caricamento