Cronaca Centro Storico / Strada Maggiore

L'estate è arrivata: i consigli della dottoressa Behfar per la tintarella perfetta

Benefici e rischi dell'esposizione al sole: come sfatare leggende metropolitane e proteggere la pelle a ogni età. L'esperta Sara Behfar fa le raccomandazioni pre-esposizione

L'abbiamo tanto attesa e sembra sia finalmente arrivata. Stiamo proprio parlando dell'estate e dovremmo iniziare a pensare a come prenderci cura della nostra pelle in vista delle, auguriamoci, non troppo future tintarelle che ci attendono: le previsioni, sia per Bologna che per la Riviera annunciano un bel sole per tutto il prossimo week-end. I raggi solari sono tanto benefici per l'organismo quanto dannosi se l'esposizione non avviene in maniera corretta e responsabile: sarà cura della Dott.ssa Sara Behfar nelle righe successive, dare qualche semplice consiglio per potervi lasciare baciare in sicurezza dal sole.

I raggi ultravioletti di tipo B (UVB) sono indispensabili per le ossa ossia per la sintesi della vitamina B, gli ultravioletti di tipo A (UVA) invece stimolano l'abbronzatura. Il rovescio della medaglia di questi due aspetti benefici sono: eritemi ed invecchiamento prematuro della pelle. Da qui nasce l'importanza di usare un buon solare con filtro UVA – UVB  da applicare più volte al giorno su viso e corpo.

MA LA PROTEZIONE OSTACOLA L'ABBRONZATURA? Da sfatare assolutamente la leggenda metropolitana che ancora echeggia sul fatto che la protezione solare ritardi e ostacoli la buona riuscita dell'abbronzatura: Una volta per tutte vorrei potervi rassicurare sulla non veridicità di questa affermazione e peraltro ricordare che, anzi, una corretta esposizione ai raggi solari con le dovute accortezze e l'ausilio di un buon prodotto protettivo solare darà una abbronzatura di certo più intensa e duratura".

A OGNULO LA SUA PELLE. Le persone con una pelle molto chiara ed ipersensibile devono usare un prodotto  SPF 50+, per le pelli chiare e sensibili invece è sufficiente un SPF 30. Pelli scure e poco soggette ad eritemi invece possono usare in tranquillità un fattore protettivo SPF 20. Ovviamente non dimentichiamoci di prenderci amorevolmente cura dei più piccoli durante le nostre vacanze, e facciamo in modo che anche per loro il sole possa essere solo un piacevole ricordo dell'estate  utilizzando per le loro pelli protettivi alti (SPF 50+)  che ancora, data la tenera età, la loro epidermide risulta essere ancora più sensibile al sole. Infine per le zone sensibili del viso, occhi naso e bocca, è opportuna utilizzare gli appositi stick solari per non trascurare queste zone del viso.

Dott.ssa Sara Behfar, FarmaCHL di Strada Maggiore 28

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'estate è arrivata: i consigli della dottoressa Behfar per la tintarella perfetta

BolognaToday è in caricamento