Accoltellato dopo la partita: fermato un uomo di 34 anni

Al vaglio le numerose telecamere della zona. La vittima, ancora non ascoltata, non è in pericolo di vita ma ne avrà per diverso tempo

Immagine di repertorio

Un uomo di 34 anni, originario della provincia di Mantova, è stato identificato e denunciato nella notte dalla polizia, all'indomani dell'episodio di accoltellamento fuori dalla stadio Dall'Ara, dopo la partita Bologna-Milan. La vittima, un 35enne milanese, è stata dichiarata fuori pericolo, ma rimane in prognosi riservata in Rianimazione al Maggiore di Bologna, dopo un intervento chirurgico effettuato nella notte.

Per il 34enne si profilano le accuse di lesioni pluriaggravate e porto abusivo di armi per il coltello a serramanico trovatogli addosso. Sulla ricostruzione della dinamica dei fatti sono in corso ancora degli accertamenti, e molto si potrà sapere dalla testimonianza della vittima stessa che i poliziotti ascolteranno non appena possibile.

In base a quanto ricostruito dalle versioni fornite, tra le quali al momento non è riscontrato alcun testimone oculare, sembra che subito dopo l'episodio il 34enne sia stato visto scappare dal luogo del fatto, i dintorni del varco tornelli di via Menabue. Il tutto si sarebbe svolto nella fase di uscita degli ultras milanisti, a tarda serata.

Non è stata riportata alla polizia la versione secondo la quale i motivi del litigio fossero dovuti a un indumento di un giocatore conteso. Fatto sta che al 35enne vittima dell'accoltellamento è stata riscontrata dai medici del 118 un unico, profondo fendente all'addome. Nessuna traccia anche di un terzo ipotetico soggetto, che avrebbe assistito alla scena, ma ne sarebbe uscito ferito da un pugno al volto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al setaccio anche da parte della Digos, le immagini delle telecamere di sorveglianza installate nei dintorni dello stadio. Nel periodo in cui è stato trattenuto, il 34enne non avrebbe detto niente. Entrambi, aggressore e aggredito, hanno piccoli precedenti in materia di reati 'da stadio', con alcuni provvedimenti emessi ma già scontati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid e gestione piscine, parrucchieri ed estetisti: siglata nuova ordinanza in Emilia-Romagna

  • Incidente stradale, esce di strada e si schianta contro la recinzione: è grave

  • Tir fermo in autostrada, camionista trovato morto

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino: 44 nuovi casi, un morto a Bologna. Allerta per "focolai di rientro dalle vacanze"

  • Coronavirus, bollettino 6 agosto Emilia-Romagna: +58 casi, nessun decesso. Il numero resta a 4.291

  • Lite per il distanziamento a bordo: sul bus arrivano i Carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento