menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Risparmio idrico contro siccità, scatta divieto per annaffiare con l'acqua di casa

Palazzo D'Accursio suggerisce di raccogliere l'acqua piovana. 'Ma attenzione alle zanzare'

Il consumo di acqua potabile va contenuto e per farlo il Comune di Bologna ricorda ai cittadini che è anche "possibile realizzare semplici sistemi di raccolta dell'acqua piovana per l'irrigazione di giardini e spazi verdi". E' uno dei punti elencati da Palazzo D'Accursio nella nota con cui si annuncia che, a partire da giovedì 20 giugno, entrerà in vigore l'ordinanza per il risparmio idrico, che vieta il prelievo di acqua dalla rete potabile per uso non domestico dalle 8 alle 21, con particolare riferimento all'innaffiamento e al lavaggio di automezzi.

L'ordinanza resterà in vigore fino al 30 settembre. Per gli orti comunali, il divieto di prelievo va dalle 10 alle 18. L'obiettivo è "contenere gli sprechi di una risorsa naturale divenuta ormai preziosa", scrive l'amministrazione. "Il Comune è da anni impegnato in politiche legate ad un uso sostenibile della risorsa acqua- continua la nota- anche per affrontare gli effetti locali di cambiamenti climatici". Di conseguenza, il Comune ricorda "alcuni consumi quotidiani da non trascurare". E' bene tenere presente, ad esempio, che un rubinetto aperto eroga mediamente 13 litri al minuto e che per una doccia di cinque minuti sono necessari 60 litri di acqua, mentre per riempire una vasca da bagno ne occorrono il doppio.

Ecco perché ci sono alcune raccomandazioni da seguire, suggerisce il Comune: individuare eventuali perdite, usare i frangigetto per i rubinetti, annaffiare le piante con sistemi a goccia e temporizzati, usare lavatrici e lavastoviglie a pieno carico, preferire la doccia al bagno (ma senza far scorrere l'acqua di continuo, così come nel lavarsi i denti o nel radersi). Il Comune, poi, suggerisce di non utilizzare acqua corrente per il lavare stoviglie e verdure (ma solo per il risciacquo) e di sfruttare l'acqua di lavaggio di frutta e verdura per le piante. Se si sceglie, dove possibile, l'accumulo di acqua piovana però, occorre prestare attenzione al possibile insorgere del problema zanzare,.evitabile con alcune accortezze. (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento