rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, il Marconi: "Non venite in aeroporto se non per necessità"

Il Marconi invita a contattare le compagnie aeree

Con l'entrata in vigore del Decreto della Presidenza del Consiglio del 9 marzo 2020, anche l'Aeroporto Guglielmo Marconi, come tutto il territorio nazionale, rientra nelle aree "a contenimento rafforzato".

"L'Aeroporto di Bologna è aperto e sono attivi numerosi voli, ma vi invitiamo a non raggiungere l'aeroporto se il vostro viaggio non è determinato dalle motivazioni previste dal decreto - fanno sapere dallo scalo bolognese, ossia per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute e rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza". Nei casi consentiti no rientrano vacanze programmate, ferie, turismo, ecc.

Coronavirus, tutta Italia diventa "zona protetta": spostamenti vietati, cosa cambia

Inoltre "tutti i passeggeri in arrivo e partenza dovranno compilare e sottoscrivere autodichiarazione relativa al motivo del viaggio, che verrà verificato dalle Autorità di Polizia, con possibili conseguenze anche penali". 

Per informazioni sullo stato dei voli, rimborsi, riprotezioni, il Marconi invita a contattare la compagnia aerea e a non andare in aeroporto per chiedere informazioni: "Per quanto riguarda gli Arrivi in altri Paesi, consigliamo di consultare il sito “Viaggiare Sicuri” del Ministero degli Esteri". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il Marconi: "Non venite in aeroporto se non per necessità"

BolognaToday è in caricamento