Farmaci illegali al Marconi: la Finanza ne sequestra un quintale a una passeggera

Medicinali, prodotti farmaceutici e cosmetici, sprovvisti di idonea certificazione medico-sanitaria, all’interno di quattro valigie

Foto archivio GdF

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e la Guardia di Finanza, durante un controllo sul volo in arrivo dal Ghana – via
Amsterdam – all'aeroporto Marconi ha controllato e fermato una passeggera che all’interno di quattro valigie trasportava ben 100 chili tra medicinali, prodotti farmaceutici e cosmetici, sprovvisti di idonea certificazione medico-sanitaria.

Tutti i prodotti esaminati dall’Ufficio di Sanità Aerea Marittima e di Frontiera della Ministero della Salute, sono stati classificati come prodotti aventi le caratteristiche di sostanze farmacologicamente attive ad azione antibiotica, anti infiammatoria, cortisonica, lassativa, per la disfunzione erettile, integratori, creme cosmetiche e coloranti per capelli, tutti che in virtù dell’eccessivo quantitativo e il divieto di introdurre farmaci sul territorio nazionale senza le prescritte autorizzazioni dell’AIFA, sono stati sottoposti a sequestro e la responsabile denunciata alla locale Procura della Repubblica. 

Agli inizi di ottobre, identico sequestro di 4 valigie piene di farmaci scoperte sempre durante un controllo su un apsseggera in arrivo dal Ghana, via Amsterdam.

Nonostante il drastico calo del traffico aereo non si fermano i traffici illeciti. Negli ultimi due mesi, la Guardia di finanza e l'Agenzia delle dogane hanno individuato sempre al Marconi anche 24 passeggeri in possesso di valuta non dichiarata pari a 300mila euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

Torna su
BolognaToday è in caricamento