Affitti agevolati, il Comune di Bologna dà un milione di euro a chi affitta a studenti e famiglie

In attesa del decreto nazionale, e quindi di più fondi dedicati, Palazzo D'Accursio promuove un protocollo d'intesa per incentivare la trasformazione dei contratti da canone libero a canone concordato

Meno tasse e incentivi per chi prima affittava ai turisti e ora invece affitterà a studenti o famiglie, ma se il costo dell'affitto scenderà di almeno il 30%. È il piano del Comune di Bologna che con un milione di euro sostiene gli affitti agevolati per famiglie e studenti colpiti dall’emergenza coronavirus. Il Protocollo d'intesa promosso dal Comune di Bologna e condiviso con Università e associazioni di categoria è il punto di partenza e, assicura l'assessora alla Casa, Virginia Gieri, "siamo al lavoro e prossimamente scenderemo nei dettagli economici degli incentivi ma sicuramente non si tratterà di una differenza di pochi euro. Pensiamo almeno ad un ribasso del canone del 30%".

Da canone libero a concordato

L'obiettivo del Protocollo d’intesa è incentivare la trasformazione dei contratti da canone libero a canone concordato sostenendo la riduzione degli affitti per chi ha già un contratto a canone concordato prevedendo anche forme di sostegno per gli operatori dell’ospitalità extra alberghiera che vogliano affittare, in via transitoria, a studenti universitari, lavoratori in mobilità geografica e operatori sanitari. 

In attesa di altri fondi dal Governo, intanto Palazzo D'Accursio investe un milione di euro, cosa che – come spiega il sindaco Virginio Merola, in videoconferenza con gli assessori Lepore e Gieri – è possibile fare grazie al bilancio in salute del Comune di Bologna. "Mettiamo un milione di euro di incentivi, poi speriamo che questo benedetto decreto per i fondi sugli affitti arrivi presto – dice il sindaco – anche se i tre miliardi e mezzo non sono sufficienti".

Attualmente i contratti a canone concordato sono già incentivati attraverso un’agevolazione Imu per i proprietari immobiliari (aliquota allo 0,76% anziché 1,06%). In questo modo i contratti di affitto che utilizzano il canone concordato in città sono circa 32mila.

L’obiettivo è sostenere affittuari che hanno un reddito medio basso e che sono stati colpiti nella capacità economica dalle misure di contenimento dell’emergenza coronavirus. In questo campo rientrano famiglie, lavoratori e anche studenti fuori sede a basso reddito e meritevoli secondo i criteri stabiliti dall’Azienda Regionale per il diritto allo studio Ergo il cui reddito familiare abbia subito sensibili riduzioni.

Lepore agli studenti: "Venite a vivere a Bologna"

"Siamo partiti da un'istruttoria sulla casa che ha visto la partecipazione degli studenti, richiesta proprio da loro tramite una raccolta firme – afferma l'assessore al Turismo e alla Cultura, Matteo Lepore – si è parlato dei bisogni abitativi degli studenti ma in quella discussione abbiamo anche affrontato temi che vanno ben oltre. La misura messa oggi in campo infatti – prosegue – si rivolge a tutta la popolazione che ha bisogno, tra cui anche gli studenti. Noi vogliamo considerare gli studenti come cittadini, è il messaggio che vogliamo dare insieme alla nostra università: ci aspettiamo che in questa ripartenza gli studenti prendano casa a Bologna – dice Lepore – venite a vivere a Bologna. Non è vero che siamo tutti uguali di fronte al coronavirus e, tra le persone che stanno pagando più conseguenze, ci sono gli studenti e i futuri studenti. Noi pensiamo a loro e vogliamo che non solo si iscrivano all'università, ma anche che prendano casa a Bologna. Stiamo lavorando affinché Bologna resti una città sicura; è il messaggio che daremo anche ai turisti quando torneranno in città. Puntiamo molto sulla sicurezza e su questa immagine di Bologna. Ci aspettiamo prima gli studenti dei turisti perché è un po' come ricominciare daccapo nel rifondare la città: prima dei turisti devono tornare gli studenti".

Protocollo e obiettivi

Il Protocollo d’intesa promosso dal Comune di Bologna con Città metropolitana di Bologna, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Fondazione per l’Innovazione Urbana, Sunia, Sicet, Uniat, Unione Inquilini, Apiab-Conia, Feder-Casa, Assocasa, Asppi, Uppi, Aipi AssoproprietariConfappi, Unioncasa, Appc, Confabitare, e con l’adesione di Fondazione Ceur e Coop Nuovo Mondo.

Nel protocollo tutti i firmatari assumono degli impegni per il raggiungimento degli obiettivi. Il Comune s’impegna a farsi portavoce presso la Regione Emilia-Romagna e il Governo per reperire ulteriori risorse economiche utili alla realizzazione delle misure previste. La Città metropolitana di Bologna s’impegna a divulgare i contenuti del Protocollo presso i comuni del territorio bolognese, al fine di promuoverne l'adesione. L’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna s’impegna a diffondere le misure alla popolazione studentesca; a valutare la possibilità di reperire risorse nell’ambito del proprio bilancio da destinare a misure per il diritto allo studio, complementari e integrative al Protocollo, a sostegno degli studenti provenienti da famiglie con redditi medio bassi, nonché volte ad agevolare l’accesso degli stessi studenti a servizi a loro dedicati (ad esempio attraverso incentivi alla mobilità urbana sostenibile).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Fondazione per l’Innovazione Urbana, che ha promosso con il Comune il laboratorio permanente sulla condizione abitativa studentesca HousingBo, s’impegna a concorrere allo studio e all’analisi dei dati di supporto per lo sviluppo delle azioni, oltre a diffondere le misure del Protocollo. I sindacati degli inquilini e le associazioni dei proprietari s’impegnano ad assistere e informare i propri associati della necessità di modificare il contratto di locazione e di rinegoziare i contratti a canone concordato delle categorie svantaggiate; s’impegnano inoltre, nel rispetto della concorrenza, a valutare formule agevolate di gestione amministrativa degli atti funzionali all’attuazione delle misure di sostegno.

Leggi anche: 

Coronavirus, bollettino Regione 12 maggio: i dati continuano a scendere, mai così bassi

Bollettino 12 maggio: i dati comune per comune

L'Emilia Romagna riparte il 18 maggio: riaprono negozi, bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti. E anche le spiagge

Covid, spiaggia e mare, si riparte lunedì 18 maggio: le nuove regole per un'estate in sicurezza

Coronavirus, ancora focolaio e morti nella casa anziani a Monteveglio. Il sindaco: "Come si è arrivati a questi numeri?"

Covid e mortalità a Budrio: nel mese di aprile +53,8% di decessi rispetto all'anno precedente

Test sierologici ai cittadini: "Chi aderirà si sottoporrà a tutto ciò che il programma richiede"

Coronavirus, "discesa" della Madonna di San Luca: obbligo di mascherine e no processioni

Coronavirus, come usare le mascherine: il tutorial del Ministero | VIDEO

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Matrimonio da favola per Elettra Lamborghini: gli abiti da sposa, la torta e i fuochi d'artificio / LE FOTO

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Le sagre di ottobre da non perdere a Bologna e provincia

  • Covid, il giro di vite anti-contagio di Merola: mascherina obbligatoria nel weekend

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento