Affitti brevi a studenti fuorisede, da Comune-Unibo fondo per 500mila euro

Tetto Isee 35mila euro e lontani dalle aule per un tempo maggiore di 90 minuti utilizzando i mezzi pubblici

Un fondo da 500mila euro, per agevolare gli affitti brevi a studenti fuori sede e a basso reddito. E' il contributo offerto da Palazzo D'Accursio e Alma Mater, con un accordo approvato nell’ultima riunione di giunta su proposta dell’assessore alla Casa Virginia Gieri.

Le risorse saranno stanziate a metà dal Comune e dall’Ateneo, è stato costituito un fondo per erogare contributi per offrire tariffe agevolate a studenti fuori sede (residenza in Comuni che sono distanti da Bologna, con i mezzi di trasporto pubblico, per un tempo uguale e superiore ai novanta minuti) e a basso reddito che abbiano un Isee pari o inferiore a 35 mila euro e siano iscritti all’anno accademico 2020/2021.

I contributi riguarderanno affitti brevi, tra una settimana e un mese, in strutture ricettive di locazione turistica e permetteranno agli studenti di godere di una tariffa agevolata e ai proprietari delle strutture di ricevere un contributo aggiuntivo, oltre al prezzo corrisposto dallo studente, pari al il 50% del prezzo stesso.

"Questo fondo, unico in Italia, ci permette di dare un’opportunità agli studenti a basso reddito che affronteranno questa nuova e inedita fase organizzativa dell’Ateneo ed è coerente con le misure alle quali abbiamo lavorato in questi mesi per sostenere la locazione e la capacità di reddito degli inquilini – spiega l’assessore alla Casa Virginia Gieri – . Ringrazio l’Università per la condivisione e la collaborazione. Anticipo anche che a ottobre saremo pronti con il bando per il contributo affitto, un’altra misura che in molti attendono".

"Grazie alla stretta collaborazione tra Università e Comune di Bologna siamo riusciti a mettere a disposizione dei nostri studenti uno strumento importante, che va ad integrarsi nel complesso delle iniziative messe in campo in vista della ripresa delle attività accademiche in presenza", dice il prorettore vicario dell'Università di Bologna Mirko Degli Esposti. "Si tratta di un importante passo avanti per permettere che tutti i nostri studenti possano, in sicurezza, tornare a vivere a pieno l'università anche nella sua imprescindibile dimensione sociale e relazionale".

Il nuovo strumento intende agevolare la permanenza in città degli studenti universitari fuori sede e a basso reddito per brevi periodi, in coerenza con la decisione di organizzare la didattica universitaria in modo misto (in presenza e da remoto) durante il primo semestre.

Il tariffario realizzato congiuntamente da Comune di Bologna, Città Metropolitana, Fondazione per l'Innovazione Urbana, e dagli uffici dell’Ateneo, dopo un'ampia consultazione con gli operatori del settore, prevede dei massimali che comprendono anche le utenze e ogni altro servizio offerto: 120 euro alla settimana per una camera singola, 180 euro alla settimana per un monolocale.

Il Comune predisporrà il bando attraverso il quale le strutture ricettive potranno chiedere i contributi e verificherà il rispetto degli impegni mentre l’Ateneo effettuerà, su richiesta del Comune, la verifica sulle autocertificazioni degli studenti per i requisiti di accesso alle strutture.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento