Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Carcere, nuova aggressione, il sindacato: "Quel detenuto va trasferito"

Il soggetto, già noto per altri episodi passati, ha poi dato fuoco a un lenzuolo e minacciato altri agenti della penitenziaria con un a bomboletta di gas e un accendino

Un'altra aggressione ai danni di un agente penitenziario si è verificata ieri pomeriggio nel carcere della Dozza, dove un detenuto di circa 30 anni, cittadino tunisino, già noto per altri fatti analoghi ha creato non poco trambusto all'interno del primo piano giudiziario della casa circondariale.

Secondo quanto riportato dal sindacato Sinappe, il soggetto in questione ha dapprima colpito con un oggetto un poliziotto, per poi inscenare una protesta dentro la sua cella, minacciando gli altri agenti intervenuti tenendo in mano una bomboletta di gas e un accendino. Attimi concitati si sono avuti poi quando lo stesso trentenne ha cercato di appiccare un incendio, dando fuoco al lenzuolo all'interno della cella stessa.

"Di fronte all’ennesimo episodio si violenza" commenta il Sinappe "che vede protagonista sempre lo stesso detenuto, siamo a chiedere alla Dirigenza dell’Istituto di procedere in maniera urgente all’attivazione delle procedure per lo spostamento della persona in questione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere, nuova aggressione, il sindacato: "Quel detenuto va trasferito"

BolognaToday è in caricamento