menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggressione con il cutter, sfigurato al volto in via Marsala

E' successo mentre la vittima, un negoziante, stava abbassando le serrande

Gli agenti lo hanno trovato a terra, supino, con la vittima dell'aggressione che era riuscita a bloccarlo. Questo è stato l'epilogo di un agguato ai danni di un negoziante di 43 anni, cittadino italiano ma nato in Bangladesh, ritrovatosi sfregiato e sfigurato da un profondo taglio alla guancia destra, con tutta probabilità vergato con un cutter.

L'autore dell'aggressione, preso in consegna dalla polizia, ora è in carcere. Sono stati diversi passanti a chiamare la polizia ieri sera verso le 22:10 in via Marsala, pieno centro storico. Le testimonianze oculari raccolte dagli agenti, a grandi linee, concordano con quella della vittima, per la quale due persone la hanno aggredita mentre chiudeva le serrande del suo negozio di alimentari.

Secondo quanto ricostruito finora questa è stata la dinamica: uno dei due aggressori -poi fuggito e non identificato- ha tenuto fermo il commerciante, mentre quell'altro, con l'aiuto della lama poi ritrovata, ha praticato lo sfregio. Qualcosa però non è andato come pianificato, perché l'aggredito ha reagito e a sua volta ha buttato a terra il suo assalitore, mentre il complice si è allontanato prima dell'arrivo delle volanti.

Aggredito e sfregiato: la dinamica

Su posto poi è arrivato anche il 118, che ha caricato entrambi i coinvolti e li ha trasportati al Sant'Orsola e al Maggiore. Ovviamente più grave la situazione del 43enne, che avrà bisogno di diversi punti di sutura e forse interventi chirurgici, mentre quell'altro se la caverà solo con qualche contusione.

Ora la polizia indaga per ricostruire la dinamica esatta dell'agguato: telecamere di sorveglianza dovrebbero avere catturato le sequenze di quanto accaduto, e sia il cutter che gli indumenti sono stati sequestrati. Anche la scientifica ha proceduto ai rilievi sulla scena, che si è presentata con diverse macchie di sangue sul pavimento del portico, così come sui vestiti.

Quanto al movente dello sfregio subito, la vittima ricondurrebbe il tutto a una sorta di ritorsione dovuta a motivi personali, dato che i due si conoscevano. L'aggressore invece, un 41enne anche lui originario del Bangladesh, non ha fornito spiegazioni sul gesto, ed è stato arrestato e accusato di lesioni personali gravissime.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento