Fattorie e agriturismo ripartono: nuove regole e bando da 2 milioni

Si punta sulla ripartenza dei 1200 agriturismo e delle oltre 300 fattorie didattiche con nuove regole

Fondi per contenere gli effetti del lockdown e la proroga dei bandi da 7 milioni di euro del Programma di sviluppo rurale per la riqualificazione e l'ampliamento delle strutture. In Emilia-Romagna si punta sulla ripartenza dei 1200 agriturismo e delle oltre 300 fattorie didattiche, dal mare alla montagna, con un finanziamento regionale “una tantum” da un milione e 900 mila euro. E' stata decisa anche la proroga a fine settembre della scadenza per partecipare ai bandi.

Le nuove misure economiche insieme all’azione della Regione Emilia-Romagna a sostegno della riapertura di agriturismi e fattorie, sono state illustrate oggi, 26 maggio, dall’assessore regionale all’agricoltura, Alessio Mammi, nel corso di una conferenza stampa, organizzata da Cia (Confederazione italiana agricoltori), con Cristiano Fini, presidente Cia Emilia Romagna e Massimo Bottura, presidente regionale dell’associazione agrituristica Turismo Verde.

“Quello degli agriturismi è un sistema molto importante per questa regione- spiega Mammi -. Solo l’anno scorso 160mila persone sono state ospiti di queste strutture con circa 450mila pernottamenti determinando un aumento complessivo del 6,8% dei soggiorni rispetto all’anno precedente.  È un sistema in crescita fatto di aziende in grado di ospitare al meglio e in tutta sicurezza turisti dalla nostra regione, dall’Italia e speriamo presto anche dall’estero e grazie all’impegno di tutti ci sono le condizioni per ripartire in tranquillità”.
“Gli agriturismi- chiude l’assessore- sono soprattutto un luogo di cultura dove c’è l’incontro tra terra e tavola, tra produzione e trasformazione in cibi di eccellenza per cui siamo famosi nel mondo, in posti bellissimi capaci di offrire soggiorni e vacanze adatti a tutti”.

Le misure anti Covid

Anche per agriturismi e fattorie valgono le regole delle altre strutture ricettive per garantire la sicurezza: dalla sanificazione dei locali, al mantenimento della distanza, all’uso delle protezioni individuali per clienti e operatori, alla corretta informazione.

Per l’affitto di singole stanze, con utilizzo di servizi igienici in comune, andrà posta particolare attenzione alle modalità di utilizzo e disinfezione dei servizi igienici e delle aree in comune. Anche qui sono vietati i buffet.

In tutte le aree all’aperto saranno affissi cartelli informativi con le regole da rispettare per garantire la distanza interpersonale ed evitare gli assembramenti. Panchine, sedute, corrimano, giochi, e arredi in genere saranno disinfettate quotidianamente.

Per quanto riguarda le aree gioco all’aperto per i bambini vanno delimitate, indicando il numero massimo di bambini. Le attività di animazione possono essere realizzate solo in piccoli gruppi in accordo con il protocollo regionale sui Centri estivi. Se si svolgono all’interno le aree dovranno essere pulite e accuratamente disinfettate quotidianamente. Anche per intrattenimento, attività sportive, accesso alla piscina valgono le regole delineate nei protocolli regionali. Quindi no agli eventi di ballo e musica fatta eccezione per quelli di “ascolto”, sì alle attività sportive individuali nel rispetto delle distanze mentre per quelle a coppie o in squadre occorrerà attenersi alle indicazioni fornite al riguardo dal ministero dello Sport e dalla federazione per la pratica sportiva.

Gli accessi alle piscine saranno limitati e regolamentati come necessario nei limiti delle capienze consentite. Lettini, sdrai ed altre sedute, saranno disinfettati giornalmente e comunque a ogni cambio di clientela. Gli ospiti delle strutture saranno tenuti a rispettare le regole attive per tutta la popolazione riguardo l’uso di guanti e mascherine.

Il personale dovrà essere dotato di specifici dispositivi di protezione individuale (DPI) alcuni dei quali comuni a tutto il personale, altri differenziati in base al tipo di mansione svolta e al livello di promiscuità di ogni situazione lavorativa. Ciascun lavoratore dovrà ricevere
formazione/addestramento necessario per il corretto uso e osservare le regole igieniche di sicurezza.

Mascherine, guanti monouso e disinfettante per superfici dovrebbero essere disponibili, anche a pagamento, degli ospiti che ne facciano richiesta e devono essere applicate regole corrette di smaltimento.

I numeri di aziende agrituristiche e fattorie

Sono 1197 le aziende agrituristiche attive in regione e 300 le fattorie didattiche. In 308 strutture si può solo dormire, in 332 solo ricevere i pasti, mentre in 525 sono disponibili entrambi i servizi. Inoltre, 596 strutture agrituristiche offrono la possibilità di svolgere almeno una tra attività sportive, ricreative, culturali, didattiche.

All’inizio del 2020, con l’approvazione della normativa di settore, si è dato l’avvio anche all’enoturismo, attività svolta da aziende agricole che coltivano vite o producono vino e che offrono la possibilità agli ospiti di visitare le loro vigne e cantine, conoscere gli strumenti di coltura e produzione, degustare ed acquistare il vino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2019 il settore è cresciuto del 2,7% (38 unità) per quanto riguarda gli agriturismi attivi rispetto all’anno precedente. Sono aumentati i soggiorni del 6,8% sul 2018 e sono 159.285 i turisti che hanno deciso di scegliere questa tipologia ricettiva con 439.773 pernottamenti e una permanenza media di quasi 3 notti.  Un trend di crescita delle presenze superiore alla media di tutte le strutture ricettive, sia per il numero di turisti accolti (+6,8% contro un +1,2%), sia per tasso di permanenza, con un +3,9%, rispetto al totale delle strutture ricettive.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come asciugare i vestiti quando fa freddo evitando quello strano odore di umido

  • Bollettino Covid, +1.413 casi in regione e 15 morti. Salgono i ricoveri

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • E' nata la figlia di Gianluca Vacchi: ecco come si chiama. Tenera foto sui social

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento