Malalbergo, distrutto l'albero contro la violenza. Il sindaco: "Gesto incommentabile"

Ignoti hanno piegato l'albero e rotto gli addobbi

L'albero contro la violenza vandalizzato

Distrutto l’albero simbolo contro la violenza in piazza XXV Aprile a Malalbergo: un atto vandalico che ha lasciato senza parole cittadini e amministrazione. L’albero era stato addobbato poco prima delle feste natalizie dagli alunni delle scuole, che per l’occasione avevano scritto poesie e cartelloni contro l’intolleranza e l’odio.

Ma qualcuno ha pensato di distruggerlo, e dura la condanna del sindaco Monia Giovannini: “E’ stata un’azione incommentabile – spiega a BolognaToday –  Quello era un simbolo di amore, tolleranza e solidarietà e qualcuno se l’è presa con un albero.  Condanniamo fermamente i gesti di violenza e i toni di odio e rabbia che spesso corrono anche sui social. Non ci sono molte parole per commentare l’accaduto”.

Il sindaco ha postato su Facebook le foto dell’albero distrutto, e immediata la reazione  e l’indignazione di molti cittadini.

albero pace malalalbergo-3

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a San Lazzaro, perde il controllo dell'auto e si schianta contro il guard rail: vivo per miracolo

  • Cronaca

    Rapina con pistola in ufficio postale, derubato anche un cliente

  • Cronaca

    Mamma dimentica figlio di due anni in auto e va a lavoro

  • Cronaca

    Bologna saluta Giampiero Mucciaccio. "Ciao uomo gentile, giardiniere di civiltà"

I più letti della settimana

  • Incidente in A1: schianto in auto, un morto e un ferito grave

  • Incidente a San Lazzaro, perde il controllo dell'auto e si schianta contro il guard rail: vivo per miracolo

  • Il cane abbaia forte, i vicini segnalano: il giovane padrone è morto in casa

  • Mamma dimentica figlio di due anni in auto e va a lavoro

  • Trasporti, sciopero 24 marzo: disagi per chi viaggia in bus

  • Incidente mortale sulla A13 Bologna-Padova: tratto chiuso

Torna su
BolognaToday è in caricamento