rotate-mobile
Cronaca

Alessandro Gozzoli: si scava nella vita del 40enne trovato morto, fissata l'autopsia

L'esame autoptico stabilirà con certezza le cause e l'ora della morte

Sarà l'esame autoptico, previsto nella giornata di domani, 15 marzo, a stabilire con certezza le cause e l'ora della morte di Alessandro Gozzoli, il 41enne di Bazzano trovato senza vita nella sua casa di Casinalbo di Formigine, in provincia di Modena, legato al letto. 

Delle indagini si occupano i Carabinieri e naturalmente la Scientifica che stanno cercando di risalire a cosa è accaduto prima di venerdì 10 marzo, quando la sorella di Alessandro, utilizzando la copia delle chiavi, è entrata e ha dato l'allarme. L'appartamento sarebbe stato trovato in disordine, quindi si potrebbe trattare di una simulazione per coprire un omicidio o un decesso a seguito di un gioco erotico. 

Saranno i tabulati telefonici, i contatti anche social, le testimonianze e l'esame dell'appartamento che potrebbero aiutare a risalire a chi ha passato le ultime ore di vita con Alessandro. Sarebbe stata individuata l'auto della vittima della quale si erano perse le tracce, ma si attende ulteriore conferma.

La Procura ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di omicidio volontario per poter svolgere tutti gli accertamenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessandro Gozzoli: si scava nella vita del 40enne trovato morto, fissata l'autopsia

BolognaToday è in caricamento