Cronaca

'Bomba sotto casa del Procuratore': anonimo allerta il 113, ma era un falso allarme

Panico dopo una telefonata anonima giunta ai carabinieri. Sul posto sono giunti immediatamente gli artificieri: fortunatamente si trattava di un'allerta fasulla

Un falso allarme bomba, nella serata di ieri, è arrivato a scuotere la  tranquillità cittadina di questi giorni di agosto. Una telefonata anonima al 113, effettuata da una cabina telefonica, allertava su un ordigno che sarebbe stato piazzato davanti all'abitazione del Procuratore aggiunto di Bologna, Valter Giovannini.

Immediato l'intervento della Digos, unitamente ai carabinieri. Le verifiche effettuate sul posto dagli artificieri, fortunatamente, hanno accertato si trattasse solo di un allarme fasullo.

Gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire i fatti, alla cui base, con probabilità, potrebbe esserci un messaggio intimidatorio rivolto allo stesso Giovannini, o più  in generale alla Procura felsinea.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Bomba sotto casa del Procuratore': anonimo allerta il 113, ma era un falso allarme

BolognaToday è in caricamento