Classica: L'Alma Mater è l'università più bella d'Europa

Il merito è dei tanti palazzi storici che ospitano le sedi Unibo, i musei e gli spazi verdi. E'l'unica università italiana nella top10

Non solo docenti, specializzazioni e ricerca, ma tra le tante competizioni internazionali tra università c'è anche un vero e proprio concorso di bellezza. E' "Times higher education" che ogni anno stila il ranking delle migliori università del mondo e questa volta è toccato all'Alma Mater che si aggiudica il titolo di "università piu' bella d'Europa e forse del mondo".

E' stato esaminato "il valore culturale, artistico ed estetico degli edifici e degli spazi universitari". Il merito è dei tanti palazzi storici che ospitano le sedi Unibo (Palazzo Poggi e il Collegio di Spagna), ma il valore dei musei e degli spazi verdi, tra cui l'orto botanico. L'Alma Mater è l'unica università italiana nella top10.

Seguono al secondo posto Salamanca, il più antico ateneo di Spagna, e al terzo Coimbra, in Portogallo. "Questo riconoscimento conferma il valore internazionale dell'Alma Mater- commenta l'Università di Bologna in una nota- un ateneo conosciuto in tutto il mondo non solo per le sue qualita' nella didattica, nella ricerca e nell'internazionalizzazione, ma anche come luogo vivo e bello, intrecciato in modo indissolubile con la città". Non a caso, secondo l'ultima edizione del Global talent competitiveness index, il report internazionale realizzato dal gruppo Adecco, Bologna risulta essere la prima città italiana per la capacità di attrarre talenti, davanti a Roma, Torino e Milano, proprio grazie alla presenza dell'Alma Mater. (dire)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Castenaso: morto Dino, il re della pasticceria

  • Cerca di fuggire dalla gazzella dei carabinieri con l'apecar: è ubriaco

  • Dramma a Pianoro: 50enne trovato morto in albergo

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Ludopatia e chiusura centri scommesse: "Costretto a licenziare, ora disoccupato anche io"

Torna su
BolognaToday è in caricamento