menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Truffe agli anziani

Truffe agli anziani

Truffe ad anziani, quattro in poche ore: finto poliziotto porta via 500 euro

Due in via Manin, una in via Cesarini e un'ultima in via Meucci: tutte fra le 13 e le 14 di ieri. La scusa è sempre la stessa: un incidente subito dai figli e la richiesta di cauzione

Una telefonata avverte di un incidente: "Suo figlio è stato coinvolto in un incidente e ora è trattenuto in questura. Per lasciarlo libero è necessario pagare una cauzione". E' questo uno degli approcci più diffusi per mettere in difficoltà dei genitori anziani e convincerli a dare tutto quello che hanno per il bene del parente. 

Ed è il copione che hanno seguito ieri, in quattro occasioni differenti ma ravvicinate, alcuni truffatori. Tutti gli episodi sono avvenuti fra le 13 e le 14, tre in zona Arcoveggio e uno in via Meucci, zona Massarenti. Fortunatamente solo uno dei tentativi di truffa è andato a buon fine. 

La vittima è una donna di 79 anni e anche per lei la terribile telefonata che la avverte dell'incidente: dall'altra parte dell'apparecchio la voce di un uomo che spiega come togliere dai guai il figlio e la comunicazione di due numeri di telefono, uno fisso (051.112) e un cellulare, da richiamare per gli accordi sulla consegna del denaro. Poco dopo, la voce si materializza alla porta di casa (in via Cesarini) e l'anziana consegna al finto poliziotto tutto quello che ha: denaro e preziosi per un valore di circa 500 euro. 

Italiano, capelli neri, con indosso un maglione: questa la descrizione che un paio di ore dopo la pensionata fornisce alla Polizia, come anche i numeri di telefono che si era appuntata e che aveva utilizzato per ricontattarlo e su cui la Polizia sta indagando. 

Stesso canovaccio anche per altri due tentativi di truffa in via Manin: una chiamata, la consegna di due numeri di telefono da richiamare (gli stessi) e la richiesta di un "riscatto". In questi due casi però le vittime, due bolognesi del '26 e del '30, non si lasciano convincere e avvertono subito la Polizia. 

In ultimo, un tentativo di truffa anche a un uomo del '36 residente in via Meucci: questa volta al telefono un certo avvocato Mancini, che però non convince la vittima, la quale segnala tutto alla Polizia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento