Anzola: simulano una rapina per tenersi i soldi, nei guai due 'compari'

Il dipendente di un negozio aveva denunciato il furto di una busta con 5.200 euro, ma i Carabinieri hanno approfondito

I Carabinieri della Stazione di Anzola Emilia hanno denunciato un 50enne pistoiese e un 48enne bolognese, per simulazione di reato e appropriazione indebita.

Tutto è inziato quando la mattina del 25 gennaio scorso, il dipendente di un negozio di animali, un50enne pistoiese, riferiva di essere stato aggredito e rapinato di una busta da un motociclista. La vittima riferiva che all’interno c’erano 5.200 euro, pari all’incasso che aveva recuperato da altre filiali situate in Toscana e che, su disposizione dell’azienda di Anzola Emilia, doveva riportare in sede. 

I Carabinieri hanno così indagato e identificato il bolognese come presunto autore della rapina, ma hanno anche scoperto che i due erano "compari" e che avevano architettato la rapina per far fronte ai problemi finanziari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus : l'Università di Bologna sospende lezioni, esami e lauree

  • Coronavirus in Emilia-Romagna, 7 nuovi casi: "Tutti riconducibili al focolaio lombardo"

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

Torna su
BolognaToday è in caricamento